Ragazzo ricoverato per Covid, ha 14 anni ed è molto grave

Un ragazzo ricoverato per Covid risulta in una situazione molto critica. Colpisce il fatto che sia adolescente e senza mai gravi precedenti.

ragazzino ricoverato per Covid
A Bologna ragazzino ricoverato per Covid FOTO Getty Images

Ragazzo ricoverato per Covid a soli 14 anni. Succede a Bologna, dove da diversi giorni vige la zona rossa, come in tutta la provincia. Stesso provvedimento intrapreso anche per le altre principali località dell’Emilia-Romagna, con annessi territori. L’adolescente è entrato d’urgenza all’interno dell’ospedale ‘Sant’Orsola’ della città.

Leggi anche –> Pierpaolo Sileri: “Entro inizio estate puntiamo a 40 milioni di vaccinati”

Il suo quadro clinico viene descritto come grave, nonostante il personale medico che lo ha preso in cura abbia accertato che il ragazzo ricoverato per Covid non abbia mai avuto alcuna patologia importante in passato. Sono in corso degli accertamenti del caso. E non si tratta dell’unico caso di un giovanissimo finito in terapia intensiva a causa del virus. Sempre al ‘Sant’Orsola’ risulta ricoverata una ragazzina di 11 anni, in osservazione già dalla fine di febbraio. Attualmente la giovanissima vige in prognosi riservata. Ma nel suo caso ci sarebbe una situazione cronica in corso tale da inficiarne il sistema immunitario.

Leggi anche –> Vaccino Astrazeneca, muore un paziente: subito sospeso in Danimarca

Ragazzo ricoverato per Covid, sono diversi i casi analoghi

In merito al 14enne, lui risiede a Modena con la famiglia. Dopo la sua riscontrata positività sono emersi dei sintomi gravi che ne hanno reso necessario il ricovero in codice rosso in ospedale. Non si tratta poi di casi isolati: a Firenze c’è un’altra 14enne finita in ospedale all’ospedale pediatrico ‘Mayer’ del capoluogo toscano.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Crisanti, che allarme: “Alcune varianti non riconosciute dai test rapidi”

Leggi anche –> Rifiuta il vaccino, operatrice di una casa di riposo infetta sei anziani

In questo caso non si è reso necessario il passaggio in terapia intensiva ma ci è voluta l’ossigenazione assistita. Sembra probabile che in tutte queste situazioni c’entri una delle varianti del virus. Forse quella inglese, che al momento risulta essere quella più diffusa tra tutte. Le stesse varianti stanno dimostrando di attecchire molto più velocemente su soggetti giovani e giovanissimi.

FOTO Getty Images