Mamma orgogliosa del figlio che ha sconfitto un bullo

Mamma orgogliosa. E’ così che si sente una donna australiana. Suo figlio ha sconfitto un bullo, ma non tutti sono felici. 

Laura Mazza è la madre di un bambino di sei anni. La donna è una blogger che parla della sua esperienza da genitore. E’ proprio il suo lavoro ad aver fatto fare alla sua storia il giro del mondo.

Recentemente suo figlio si è messo nei guai per aver dato un pugno a un altro bambino. L’epilogo della vicenda ha diviso il suo pubblico e anche tanti altri lettori. Ecco cos’è successo.

Mamma orgogliosa del figlio che ha picchiato un altro bambino: ecco perché

La donna ha descritto il figlio come un bambino molto dolce e tranquillo. Proprio per questo motivo ha trovato strana una sua reazione violenta da parte sua. In base al racconto del piccolo, la reazione sarebbe scattata in risposta a un bullo. Il figlio della blogger era convito che l’insegnante non avrebbe fatto nulla per difenderlo, quindi ha agito per conto suo.

Leggi anche -> Vittima di bullismo, 15enne suicida: “Sue foto ritoccate sui social”

“Mi ha detto che un altro bambino lo aveva preso di mira e, quando gli ha detto di smetterla, l’ha spinto fuori dal parco giochi per poi scappare via” ha raccontato la madre. A quel punto il figlio avrebbe rincorso il bullo per tirargli un pugno per fargli capire di non prendersela più con lui.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

“Era fiera? Sì, un pochino. So che la violenza non è la risposta, ma so anche che quando si ha a che fare con i bulli ci si deve fare avanti. Sono grata che l’abbia fatto. Sono triste di non essere stata lì per proteggerlo e che sia stato ignorato dagli altri adulti, ma sono orgogliosa che si sia fatto valere. Anche da adulti è una delle cose più difficili da fare” ha raccontato nel suo blog.

Leggi anche -> Bambina sopravvive a 800 cicli di chemio, torna a scuola e subisce bullismo

Condividendo questa storia, la blogger ha avuto diverse risposte dagli altri genitori e adulti. Alcuni erano completamente d’accordo con lei, mentre altri, tra cui un’insegnante l’hanno invitata a dire a suo figlio di rivolgersi sempre prima agli insegnanti.