Paolo Bonolis su Freddie Mercury: “Voleva trascorrere del tempo con me”

Paolo Bonolis parla del suo incontro con Freddie Mercury. Un aneddoto che lascia tutti a bocca aperta. Ecco cos’è successo. 

Il conduttore televisivo ha lasciato tutti senza parole. Bonolis avrebbe conosciuto la leggenda della musica durante una partita di calcio a Londra.

Questo curioso aneddoto è stato rivelato a “Il Messaggero”. Un incontro davvero fortunato che prese un risvolto ancora più interessante e singolare. Scopriamo di più sulla vicenda.

Paolo Bonolis e Freddie Mercury: ecco tutto quello che c’è da sapere

“Mi fece capire che voleva trascorrere tempo con me, ma io gli ho fatto capire che non volevo. Mi chiese l’indirizzo, diedi quello di mia madre (…)”. Queste la parole di Bonolis che raccontano di come il conduttore italiano avesse declinato le avances del famosissimo cantante dei Queen.

Leggi anche -> Paolo Bonolis, la confessione sulla figlia Silvia: “Il problema persiste”

Sempre in base alle parole del padrone di casa di “Avanti un altro”, l’artista avrebbe poi spedito a casa della madre di Bonolis due biglietti per il concerto di Wembley. Sicuramente è un episodio che il conduttore non dimenticherà mai.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bonolis non manca di citare un altro grande gruppo musicale, i Pink Floyd, per riferirsi alla sua spalla: Luca Laurenti. Quest’ultimo viene descritto come “The dark side of the moon. Molti pensano ma c’è o ce fa?: c’è. Legge la vita diversamente da noi: mi snellisce la vita con l’imprevedibilità (…)”.E’ proprio insieme al suo amico e inseparabile spalla che parteciperà al film “Tom e Jerry“.

Leggi anche -> Paolo Bonolis, che lavoro fa la moglie Sonia Bruganelli: quanto guadagna

Bonolis è una delle figure di spicco della tv italiana e un pioniere del suo format. Proprio per questo ha parlato delle difficoltà di fare televisione oggi. “Oggi mi dicono che è stato fatto tutto, tutto arato: si fa tv stanziale, da coltivatore. Il fatto è che improvvisando, senza conoscere chi entra in studio, è come aprire ogni volta un nuovo sipario“, ha raccontato.