Vaccini Covid, Johnson&Johnson corregge il tiro: ecco quanti ne produrrà

Dopo gli allarmi sulla produzione di vaccini anti-Covid, Johnson&Johnson precisa all’Ue: “Forniremo 200 milioni di dosi entro il 2021”. 

Vaccino Johnson & Johnson monodose

Allarme rientrato. Johnson&Johnson aveva riferito in mattinata all’Unione Europea di problemi di approvvigionamento che avrebbero potuto complicare i piani per fornire 55 milioni di dosi del suo vaccino Janssen (che dovrebbe essere approvato giovedì dall’Ema) contro il Coronavirus nel secondo trimestre dell’anno. In serata, però, è arrivata un’importante precisazione dell’azienda: “In linea con gli accordi stabiliti con la Commissione europea, Johnson&Johnson conferma l’impegno a fornire 200 milioni di dosi del candidato vaccino Janssen Covid-19 entro il 2021, a partire dal secondo trimestre”. Johnson & Johnson inoltre “si impegna a rendere disponibile il suo vaccino Covid-19 senza scopo di lucro per l’uso emergenziale”.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Il contributo di Johnson&Johnson alla campagna vaccini

“Stiamo lavorando con i nostri partner, autorità regolatorie e governi – fa sapere Johnson&Johnson – per accelerare tutte le fasi del processo di produzione dei vaccini e per attivare i nostri siti di produzione non appena lo consentano le approvazioni delle autorità sanitarie. I nostri attuali piani di produzione ci consentono di raggiungere un tasso di un miliardo di dosi all’anno entro la fine del 2021”.

Leggi anche –> Scandalo vaccini: “A Firenze dosi buttate o regalate a parenti e amici” 

Oggi, intanto, il ministro per lo Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti ha avuto un colloquio telefonico con il Commissario europeo Thierry Breton sul tema della strategia europea sulla produzione dei vaccini anti-Covid. Breton, a capo della Task Force europea sui vaccini, ha confermato gli impegni sui livelli di produzione europea dei vaccini e sulle aspettative di forte crescita nei prossimi mesi che consentirà di vaccinare la gran parte della popolazione del Vecchio Continente. Giorgetti, dal canto suo, ha confermato la disponibilità delle aziende italiane a essere attivamente inserite nel ciclo di produzione dei vaccini già approvati dall’Ema e dall’Aifa. “Ho la sensazione che l’Ema darà il via libera al vaccino Johnson&Johnson nei prossimi giorni o nelle prossime ore”, ha aggiunto Breton. “È una buona notizia perché avremo quattro vaccini a disposizione”.

Leggi anche –> Lombardia, ecco i “furbetti” del vaccino: saltano la fila con WhatsApp