Ilenia Fabbri Faenza, ex marito e killer danno due versioni diverse

Delitto Ilenia Fabbri Faenza, l’assassino e l’ex marito che è ritenuto l’esecutore materiale raccontano due verità differenti. Chi mente?

Ilenia Fabbri Faenza omicidio risolto con due arresti Foto dal web

Ilenia Fabbri Faenza, il giallo è giunto a risoluzione con l’arresto degli uomini che hanno decretato la morte della donna. Si tratta del suo ex marito, Claudio Nanni, e di Pierluigi Barbieri, l’esecutore materiale del delitto, assoldato proprio da Nanni. La vittima aveva 46 anni e venne uccisa lo scorso 6 febbraio nel garage di casa sua, poco dopo le 06:00 del mattino. La presenza in casa di un’amica della figlia Arianna è risultata decisiva nell’arrivare alla verità.

Leggi anche –> Caso Ilenia Fabbri, svolta nelle indagini: l’assassino confessa l’omicidio

La ragazza infatti ha riferito della reazione di sorpresa di Ilenia alla vista del suo killer, penetrato in casa senza forzare alcuna serratura. Lui aveva le chiavi del garage, delle quali aveva ottenuto una copia da Claudio Nanni, come confermato da alcune verifiche compiute dagli investigatori. Barbieri è reo confesso e ha svelato che Nanni gli aveva promesso 20mila euro ed un’auto se avesse eliminato la sua ex moglie. Con Ilenia, Claudio era in causa dopo la loro separazione e lui si lamentava del fatto di dovere affrontare delle spesi ingenti per questo motivo. La morte di lei invece avrebbe risolto qualsiasi problema ed avrebbe fatto di Nanni l’erede al 50% dei beni della Fabbri, con l’altra metà che spetta a loro figlia.

Leggi anche –> Ilenia Fabbri, la confessione del killer: “Promessi 20mila euro e un’auto”

Ilenia Fabbri Faenza, ex marito e killer affermano cose differenti

Dopo quanto accaduto ad Ilenia Fabbri Faenza è ancora sotto choc. Contesta la confessione di Pierluigi Barbieri proprio Claudio, il quale riferisce di avere pattuito un accordo per soli 2mila euro con quest’ultimo ma al solo scopo di spaventare Ilenia e non di ucciderla. L’assassino ha 53 anni ed è conosciuto per essere un ‘risolutore materiale di problemi’. Noto come ‘Lo Zingaro’, è accusato di omicidio con l’aggravante della premeditazione.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –>“Sono molto impaurita”, l’audio inquietante che Ilenia Fabbri ha inviato prima di morire

Stessa accusa è rivolta al 54enne Nanni, di professione meccanico, che di questo piano costato la vita alla 46enne ex coniuge è la mente. E ci sono anche delle aggravanti nei suoi confronti, come la premeditazione stessa ed il legame di parentela con la vittima. I pm lo hanno inquadrato come un soggetto del tutto negativo, il cui unico scopo era condurre alla rovina la sua ex moglie. Adesso sono entrambi reclusi in carcere e le indagini vanno avanti per stabilire chi dei due sta raccontando la verità.