Vaccino Astrazeneca, il Ministero della Salute conferma: “Si a over 65”

Il vaccino AstraZeneca verrà somministrato anche agli individui con età superiore ai 65 anni. La conferma arriva dal Ministero.

vaccino Astrazeneca Over 65
Si al vaccino Astrazeneca agli over 65 FOTO Getty Images

Vaccino Astrazeneca agli over 65, c’è la conferma da parte del Ministero della Salute. L’Ente governativo presieduto da Roberto Speranza ha diffuso una circolare nella quale avalla l’estensione del ritrovato medico anche agli individui che fanno parte di quella fascia di popolazione con anno di nascita dal 1956 ad andare a ritroso.

Leggi anche –> Lockdown nazionale per tre o quattro settimane? L’ipotesi è al vaglio

Da tale provvedimento vengono però escluse le persone ritenute “estremamente vulnerabili” e che risultano attualmente affette da patologie pregresse di grave entità. La notizia inerente ‘estensione del vaccino Astrazeneca agli over 65 ha avuto comunicazione per tramite della circolare denominata “Utilizzo del vaccino COVID-19 VACCINE ASTRAZENECA” e che reca la firma di Gianni Rezza, direttore della Prevenzione del Ministero della Salute. Il perché il Ministero della Salute abbia proteso per questa scelta giunge dal confermato aumento di protezione nei riguardi della fascia di popolazione interessata. Protezione che riguarda tanto la patologia indotta dal virus quanto dalle forme indicate come potenzialmente mortali della malattia. Proprio questo spiega l’Ente all’interno della circolare diramata nel corso delle ultime ore.

Leggi anche –> Vaccini Covid, svolta entro l’estate: l’annuncio del ministro Speranza

Vaccino Astrazeneca, i motivi della decisione del Ministero della Salute

Per quanto riguarda i soggetti definiti “estremamente vulnerabile”, resta preferibile la vaccinazione a mRna. La scelta, condivisa pure dal Consiglio Superiore di Sanità, arriva pure per via della mancanza critica di dosi. Con questa situazione di emergenza si rende ancora più urgente offrire una protezione alle fasce di popolazione considerate più a rischio.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Covid, in Piemonte i numeri sono da zona rossa: superate le soglie critiche

Già nella giornata di domenica 7 marzo 2021 a ‘Mezzora in più’ su Rai 3, il ministro Speranza aveva anticipato la dose. Inoltre ha preannunciato lui stesso l’arrivo da aprile a giugno di 50 milioni di dosi, con l’obiettivo di sottoporre a vaccinazione almeno 30 milioni di italiani. Tale numero include diversi tipi di vaccino, compreso quello messo a punto da Johnson & Johnson che necessita di una sola somministrazione.