Tre uomini e una gamba, le scene cult del film di Aldo, Giovanni e Giacomo

Aldo, Giovanni e Giacomo: le scene più esilaranti del film “Tre uomini e una gamba”, esordio del trio nel 1997.

Aldo, Giovanni e Giacomo sono i membri del trio comico più famoso e amato dal pubblico italiano. Apprezzato anche da registi teatrali, lavoratori del mondo del cinema, e altri attori, Aldo Baglio, Giovanni Storti e Giacomo Poretti hanno da anni un posto fisso nel cuore di tutti i loro spettatori.

Aldo, Giovanni e Giacomo, le scene più esilaranti del film “Tre uomini e una gamba”

Cataldo Baglio, noto con il nome abbreviato “Aldo”, è nato a Palermo ma si è trasferito a Milano quando era molto giovane. Proprio a Milano ha conosciuto Giovanni Storti, suo compagno di studi alla scuola di melodramma del Teatro Arsenale di Milano. Giovanni si è diplomato nel 1977, mentre Aldo nel 1978: fin da subito i due hanno partecipato insieme a vari spettacoli di cabaret, tra cui ricordiamo “E domani?” (1979) e “I suggestionabili”. Sono seguiti vari piccoli ruoli in fiction televisive, e il più importante di tutti si è rivelato essere “Professione vacanze”, durante il quale Aldo e Giovanni hanno conosciuto Giacomo Poretti, futuro terzo membro del gruppo. Prima di unirsi ad Aldo e Giovanni, Giacomo recitava nel duo Hansel e Strudel insieme a Marina Massironi, all’epoca sua fidanzata.

Potrebbe interessarti leggere anche —> Aldo, Giovanni e Giacomo: i loro spettacoli online – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Il film più famoso del trio è probabilmente “Tre uomini e una gamba”, un lungometraggio comico ricco di scene davvero divertenti. Il film ha rappresentato l’esordio del trio, ed è stato pubblicato nel 1997. Una delle più famose è quella con il bambino all’autogrill:

Un’altra esilarante scena del film è quella in cui il trio si intrufola nella casa di un gruppo di marocchini per riprendersi la famosa Gamba, persa durante una partita di calcio. Per non farsi riconoscere i tre uomini decidono di indossare le maschere di tre politici italiani: Scalfaro, Cossiga e Pertini. Marina Massironi, con loro nel film, indossava la maschera di Nilde Lotti.