Panettiere aggredito, lui è disabile: colpa del rimprovero alla cliente

Un panettiere aggredito dopo avere chiesto ad una cliente di indossare la mascherina. Subito dopo ne segue una reazione violentissima.

panettiere aggredito a Roma
Vile aggressione con un panettiere aggredito a Roma Foto da Instagram

Panettiere aggredito, tutto per colpa di una mascherina. Succede a Roma, ai danni di un lavoratore disabile, pestato da un uomo che lo ha malmenato anche a colpi di bastone. L’aggressore era stato chiamato da una donna, redarguita dalla vittima mentre era in coda per pagare. Lei non indossava la mascherina ed il panettiere aggredito l’aveva invitata a rispettare le norme di sicurezza vigenti.

Leggi anche –> Ferrara, trovati due cugini carbonizzati: mistero sul duplice omicidio

A questa aveva chiesto di indossare una mascherina, per non arrecare ulteriore disturbo ed indisposizione nei confronti degli altri clienti. Ma anche per preservare sé stessa, oltre agli altri. La donna però non ha accettato di buon grado questo invito e ha pensato bene di chiedere a suo marito di intervenire. Ed il violento di turno non ha lesinato metodi spicci.

Leggi anche –> Mamma uccide la figlia di 2 anni, poi tenta il suicidio

Panettiere aggredito, la polizia ha individuato l’aggressore

Questo deprecabile ed odioso episodio si è verificato in un esercizio commerciale ai Colli Anieni. Il panettiere aggredito ha 48 anni e per lui si prospetta una prognosi di ben 40 giorni, dopo un intervento urgente ricevuto al Policlinico Umberto I. È intervenuta la polizia, chiamata dagli altri presenti che hanno assistito alla scena. Gli agenti hanno presto identificato e tratto in arresto l’uomo che lo ha ferito fino a causargli lesioni importanti ed anche perdite di sangue. Ha 45 anni ed è accusato di diversi capi di imputazione.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Sanremo 2021, furgone Rai fuori controllo travolge tavolini di un bar

Tra questi figurano lesioni gravi aggravate da futili motivi e dalla condizione di disabilità della vittima, impossibilitata a difendersi. Non è la prima volta che accade un episodio del genere, legato all’invito ad indossare una mascherina. Persone di tutti i generi e di tutte le età hanno dimostrato grande inciviltà e violenza di indole da nord a sud, oltre ad una certa insofferenza alle regole, da quando è scaturita la pandemia.