Luca Gotti, multa per l’allenatore dell’Udinese scoperto in party vietato

Ha preso parti ad una festa in un appartamento, Luca Gotti riceve una multa per violazione delle norme anti Covid con altre persone.

Luca Gotti multa festa
Multa per Luca Gotti che ha preso parte ad una festa vietata FOTO Getty Images

Luca Gotti, allenatore dell‘Udinese, fa parte di un gruppo di 8 individui fermati per avere violato le disposizioni anti pandemia. Il 53enne mister della compagine bianconera ha preso parte ad una festa che stava avendo luogo all’interno di un appartamento del centro città.

Leggi anche –> Vaccino Astrazeneca, il Ministero della Salute conferma: “Si a over 65”

Alcuni vicini di casa, infastiditi dall’elevata quantità di decibel prodotti, hanno provveduto ad avvertire le forze dell’ordine. Gli agenti di polizia hanno bussato alla porta dell’abitazione da dove proveniva il rumore, constatando l’avvenuta violazione delle regole. Sia Luca Gotti che gli altri partecipanti della festicciola privata  – che non avrebbe dovuto svolgersi – hanno ricevuto una sanzione da 400 euro ciascuno, come previsto dalle normative vigenti. Anche l’ultimo Dpcm, entrato in vigore dallo scorso 6 marzo 2021 e che avrà validità fino al giorno 6 aprile, vieta in ogni situazione la formazione di assembramenti e di incontri, sia in forma pubblica che in forma privata.

Leggi anche –> Lockdown nazionale per tre o quattro settimane? L’ipotesi è al vaglio

Luca Gotti, la violazione avviene proprio in una zona critica

La situazione legata all’attuale andamento della pandemia desta forte preoccupazione sia ad Udine e provincia che in tutto il Friuli-Venezia Giula. Tanto la città ed i dintorni quanto alcune aree della regione fanno registrare una incidenza dei contagi che risultano tra le più elevate d’Italia. Questa situazione controversa cozza fortemente con quanto sta accadendo.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Vaccini Covid, svolta entro l’estate: l’annuncio del ministro Speranza

Ora si rischia di finire in zona rossa, dopo i 466 nuovi casi di positività registrati domenica 7 marzo 2021. Più della metà riguardano proprio Udine e relativa provincia. Segue molto distanziata Trieste con 80 nuovi infetti. E ne viene fuori, in termini percentuali, il dato peggiore dal 17 gennaio ad oggi, con un 9,81% di positivi in tutto il Friuli-Venezia Giulia.

FOTO Getty Images