Coronavirus, morto neonato di 37 giorni: la vittima più giovane in Grecia

Emergenza Coronavirus, morto neonato di 37 giorni: la vittima più giovane in Grecia da quando è iniziata la pandemia, cosa è successo.

(Steve Parsons – Pool/Getty Images)

Un bambino di 37 giorni che ha sviluppato la sindrome da stress respiratorio acuto (ARDS) dopo aver contratto il Covid-19 è morto nella giornata di oggi in un ospedale di Atene. Così il piccolo è diventato la più giovane vittima della malattia in Grecia. La notizia è stata annunciata dal ministro della Salute Vassilis Kikilias in un tweet.

Leggi anche –> Covid, il ministro Speranza tra prudenza e fiducia

Già la scorsa settimana, lo stesso ministro aveva spiegato che il piccolo stava lottando per la sua sopravvivenza, rendendo così nota la drammatica notizia della sua malattia. La notizia ha sicuramente scioccato l’opinione pubblica greca, facendo rapidamente il giro del base e lasciando davvero molte persone senza parole.

Leggi anche –> Scuola, in dad anche i figli dei lavoratori essenziali: è polemica

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dramma in Grecia: dolore e commozione per il neonato morto di Coronavirus

(Christopher Furlong/Getty Images)

Grande è infatti in queste ore la commozione nel Paese ellenico per la notizia del decesso del piccolo. Il bambino di pochi giorni era attaccato a un respiratore, riferisce l’agenzia stampa ellenica Ana-Mpa. I suoi genitori e tutti i suoi cari, fino alla fine, hanno sperato che il bambino ce la potesse fare, ma poi è arrivata poco fa la terribile notizia, appunto resa pubblica da fonti governative del Paese ellenico.

L’infante era stato in cura per circa due settimane nell’Unità di Terapia Intensiva dell’ospedale pediatrico ateniese “Aghia Sofia”. La Grecia, che non ha mai avuto una grande esplosione di contagi, come ad esempio avvenuto in Italia, ha visto la curva risalire in questi giorni a oltre 2mila nuovi casi giornalieri. Sempre la Grecia, in questi giorni, sta puntando a vaccinare soprattutto gli abitanti delle sue isole, per renderle Covid-free e garantire in questo modo la stagione turistica.