Gliese 486b: ecco il pianeta extrasolare che potrebbe ospitare vita aliena

Si chiama Gliese 486b ed è il primo pianeta al di fuori del sistema solare a poter ospitare una vita aliena.

Gliese 486b

Questo lontano pianeta orbita attorno ad una stella nana rossa, a 26 anni luce di distanza dalla Terra. Per ora, pare che Gliese 486b sia l’unico pianeta di questo singolare “sistema solare”, ma è grande quasi 13 volte più della Terra: e nonostante le due condividano la composizione (ferro e silicio), Gliese 486b ha una temperatura molto più alta del nostro pianeta. Niente vacanze estive possibili sul suo terreno roccioso, a meno che non si sopportino bene 428°C.

Un pianeta bollente

Nonostante le altissime temperature, secondo gli scienziati Gliese 486b non è ancora così caldo da diventare un pianeta lavico: nonostante questo, probabilmente ci sono dei rivoli di lava liquida sotto la superficie rocciosa. L’ipotesi ha spinto gli studiosi a chiedersi se anche questo pianeta non sia dotato di un’atmosfera: la scoperta sarebbe eclatante, perchè significherebbe che Gliese 486b può ospitare vita aliena.

Leggi anche -> NASA: l’immagine del pianeta che potrebbe ospitare vita aliena

Che tipo di vita aliena gli scienziati non lo hanno ancora chiarito: quei 428°C sembrano essere un problema da non sottovalutare. Ad ogni modo, pare che il pianeta giri attorno alla sua piccola stella in poco più di un giorno e mezzo. Grazie alle descrizioni dei ricercatori, è stato possibile commissionare un disegno digitale di come apparirebbe il pianeta se lo si potesse vedere ad occhio nudo.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

“Abbiamo cercato attorno a tutte le stelle nane rosse a noi conosciute pur di trovare un pianeta simile. La vicinanza di Gliese 486b con la sua stella lo ha reso un pianeta particolarmente caldo, con un paesaggio asciutto, vulcanico e probabilmente pieno di fiumi di lava” ha dichiarato Trifon Trifonov, uno dei ricercatori al Max Planck Institute (e capo del dipartimento che studia Gliese 486b). Secondo l’uomo, questa scoperta potrebbe essere la ‘Stele di Rosetta’ dell’astronomia, cambiando completamente la visione degli studi futuri.

Gliese 486b
Ricostruzione digitale di come potrebbe essere la superficie di Gliese 486b.