Rischia l’auto-decapitazione per una rara malattia, l’incredibile operazione chirurgica

Sembra una storia dell’orrore, ma questa ragazza l’ha vissuta davvero: per una rara malattia, il corpo di Zoe rischiava l’auto-decapitazione.

auto-decapitazione

L’instabilità cranio-cervicale (craniocervical instability o CCI) è una malattia rarissima: chi ne soffre ha l’area tra la testa ed il collo sottosviluppata, e quindi particolarmente debole. Zoe Elliott, una giovane ventisettenne di Salisbury (nel Wiltshire) ha scoperto di avere l’instabilità cranio-cervicale solo nel 2019: “per anni ho pensato che fosse un dolore normale, che lo provassero tutti” ha spiegato. Solo quando il male alla testa è peggiorato ed ha iniziato a svenire spesso Zoe si è davvero preoccupata ed ha chiesto l’aiuto di uno specialista.

L’operazione

Dopo numerose visite, i dottori l’hanno avvisata che rischiava una “decapitazione interna” a causa di una rara sindrome, l’instabilità cranio-cervicale. Più tempo passava in piedi, più Zoe correva il pericolo di subire un’auto-decapitazione. Temendo il peggio, Zoe ha creato una colletta online chiedendo ad utenti di tutto il mondo di aiutarla a pagare un’operazione che le avrebbe cambiato la vita. L’1 febbraio, alla fine, ce l’ha fatta.

Leggi anche -> Ragazzo morto, aveva 14 anni: dalla nascita lottava contro una malattia rara

“L’ultima volta che sono stata così bene ero una bambina” ha commentato Zoe appena uscita dall’ospedale. “Sono stata male davvero per tanto tempo. Non vedo i miei amici da quasi due anni, ed è stato orrendo: non vedo l’ora di uscire per una serata, o anche solo di prendere un caffè”.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

La malattia di Zoe ha cambiato del tutto la sua vita. La giovane non solo ha dovuto lasciare il suo lavoro ed i suoi amici: aveva paura anche solo ad uscire di casa. “Qualche volta, mentre camminavo per strada, avevo paura che mi sarebbe venuto un’attacco epilettico e che i passanti mi avrebbero semplicemente creduta ubriaca, lasciandomi a terra”. Dopo anni di sofferenze, anche le cose più piccole rendono Zoe felice: “l’altro giorno mi sono messa l’eye-liner da sola. E’ una delle cose che non ho mai potuto fare”.

instabilità cranio-cervicale
Il cranio di Zoe dopo l’operazione.