Pierluigi Barbieri, chi è il presunto killer di Ilenia Fabbri: ecco il vero movente

Pierluigi Barbieri è considerato il presunto assassino di Ilenia Fabbri, la donna uccisa nel delitto di Faenza. L’imputato conosceva l’ex marito della vittima, Claudio Nanni.

Pierluigi Barbieri secondo le indagini è il presunto esecutore materiale dell’omicidio di Ilenia Fabbri, la 46enne sgozzata nel suo appartamento di Faenza il 6 febbraio 2020. Inizialmente la sua morte era sembrava un mistero, ma recentemente le indagini hanno rivelato ben altro.

Il compagno di Ilenia Fabbri era stato scagionato sin da subito, mentre l’ex marito e la figlia della donna sembravano avere un alibi solido, un viaggio verso Milano. Ciò nonostante, Claudio Nanni, l’ex marito della Fabbi, è entrato nelle indagini quando si è ipotizzato l’idea di un delitto su commissione in seguito al secondo rilievo della scientifica nella casa della donna. Le telecamere di sorveglianza hanno individuato un uomo, tale Pierluigi Barbieri, di 62 anni e originario di Cervia (Ravenna), residente da tempo a Reggio Emilia.

LEGGI ANCHE -> Ilenia Fabbri Faenza, colpo di scena nell’omicidio: c’è un arresto

LEGGI ANCHE -> Ilenia Fabbri, indizi contro l’ex marito: “Chi può farle del male?”

Pierluigi Barbieri, il movente dietro l’omicidio di Ilenia Fabbri

Pierluigi Barbieri e Claudio Nanni, entrambi amanti di moto, si conoscevano da tempo. Barbieri aveva già precedenti penali, in quanto era uscito di prigione il 10 agosto scorso in seguito a un arresto avvenuto ad aprile a causa di una rapina del febbraio 2020 con lesioni aggravate e estorsione. La vittima era un 52enne di Predappio, disabile, al quale avrebbe spaccato le dita di una mano.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Gli agenti hanno indagato in segreto su Pierluigi Barbieri e hanno scoperto che aveva ripreso i contatti con Claudio Nanni dopo essere uscito dal carcere: le telecamere presenti ad un distributore accanto all’officina dove lavorava l’ex marito di Ilenia Fabbri li avevano immortalati insieme. Alle 5:15 del giorno del delitto, l’auto di Barbieri è stata vista nella zona dell’omicidio. Le autorità proseguiranno con le indagini, che porteranno ad ulteriori sviluppi sul delitto di Faenza.