Papa Francesco, il viaggio più pericoloso di sempre: cosa sta succedendo

Papa Francesco sta volando in questi minuti verso l’Iraq: un viaggio pericoloso, ma al tempo stesso molto significativo per vari motivi

Papa Francesco

Un viaggio importante e significativo. Papa Francesco sta volando verso l’Iraq con il ritorno a Roma che avverrà il giorno lunedì 8 marzo. Quattro giorni con il Santo Padre che si recherà in una terra che soffre da sempre. Il suo significato è molteplice sia per quanto riguarda i cristiani orientali e sia per i dialoghi tra le varie religioni. Saranno rispettate tutte le normative visto che il pontefice e i suoi accompagnatori, inoltre, sono stati già vaccinati. Il viaggio resta molto pericoloso e così lo stesso Francesco, per la prima volta, potrebbe viaggiare sull’auto blindata.

Leggi anche –> Il rapporto speciale tra Mario Draghi e Papa Francesco: nessuno lo sapeva

Leggi anche –> Coronavirus, Papa Francesco dà l’esempio: si è vaccinato

Papa Francesco, il significato del viaggio in Iraq

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Papa Francesco, in primis, incontrerà il presidente e il primo ministro, per poi recarsi da quelle religiose. In Iraq ci sono così i cristiani cattolici sono organizzati in due principali chiese: quella caldea e quella sira. Entrambe riconoscono l’autorità del Santo Padre. Poi Bergoglio visiterà la cattedrale siro-cattolica di Baghdad per poi celebrare la messa in quella caldea. Per i cristiani iracheni di fondamentale importanza sarà anche la visita di domenica in Kurdistan visitando Qaraqosh, Mosul e Erbil. Un viaggio pericoloso, ma al tempo stesso molto significativo per riportare un messaggio di pace e fratellanza al di là dei confini europei. L’Iraq è una terra martoriata e sofferente con Papa Francesco che proverà ad essere veicolo di un’immagine di unione.

Papa Francesco