Milano e le scuole chiuse, Sala attacca la Regione: “Decidono dalla sera alla mattina”

Scuole chiuse, il Sindaco di Milano Sala ai ragazzi: “Decisione dalla sera alla mattina, capisco la rabbia”

scuola – foto dal web

La Lombardia da qualche ora è in zona arancione rinforzata, o arancione scuro. La decisione è arrivata nel giro di 12 ore e questo fattore temporale ha fatto reagire il Sindaco del capoluogo Giuseppe Sala nei confronti della Regione Lombardia. Il provvedimento, infatti, prevede ulteriori restrizioni rispetto alla zona arancione, tra cui la chiusura delle scuole: “Oggi vorrei rivolgermi a chi studia. Purtroppo da oggi siamo costretti a ritornare in Dad. Avverto e comprendo il vostro scoramento, la stanchezza e la rabbia vostra e dei vostri genitori, che in molti casi sono stati costretti a riorganizzarsi dalla sera alla mattina. Sia chiaro, la decisione è stata presa sulla base dei indicazioni medico scientifiche, ma con un’attuazione così repentina le famiglie sono state messe in difficoltà”, ha dichiarato il Sindaco su Facebook.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Milano, il sindaco attacca la Regione e si appella ai ragazzi

Poi il sindaco analizza la situazione e le conseguenze delle scuole chiuse a causa dell’avanzare della terza ondata della pandemia: “Dire scuole aperte per noi significa futuro – ha detto Sala -. Siamo preoccupati per gli esiti formativi ed emotivi con cui la pandemia sta impattando sulle vostre generazione e chi ha da preannunciare la parola definitiva su come ci avvieremo al futuro dovete essere voi. Le vostre richieste giungono non coordinate, ma sono per me fondamentali e il comune deve essere il più sensibile possibile nell’accoglierle”.

Leggi anche > Brescia, a 19 anni finisce in terapia intensiva

Poi il Primo cittadino milanese passa ad un vero e proprio appello agli studenti e ai ragazzi in generale: “Anche io desidererei girare per la città, avere un momento senza un pensiero, anche senza il pensiero di essere il sindaco. Non so cosa darei per farlo, ma oggi non è possibile, però non perdiamo la fiducia “.

Leggi anche > Vaccini, il senatori vogliono la precedenza

Studenti contro la Dad