Claudio Coccoluto, il ricordo del figlio: “E’ stato sempre vicino alla gente”

Il figlio di Claudio Coccoluto ha voluto ricordare il padre con bellissime parole in una recente intervista.

Sebbene si trattasse di un’artista lontano dal sistema musicale di massa, la morte di Claudio Coccoluto ha colpito tutti. Martedì, giorno in cui si è appresa la notizia della sua scomparsa dovuta ad una lunga lotta con una terribile malattia, il mondo intero ha voluto omaggiare un Dj che con la sua carriera ha cambiato per sempre la concezione del pubblico nei confronti di questi artisti da club. Claudio è stato ricordato a Sanremo, di lui hanno parlato tutti i telegiornali e i giornali, mentre sui social i suoi fan lo omaggiavano pubblicando video delle sue serate e dei suoi pezzi.

Impossibile d’altronde non provare ammirazione per un uomo che ha coraggiosamente avviato una professione quando ancora si pensava che il Dj fosse soltanto un tizio che cambiava i dischi. Partito da Gaeta, dove lavorava nel negozio di elettronica del padre, Coccoluto si è esibito in ogni discoteca del mondo ed è diventato una celebrità. Ancora oggi è l’unico dj italiano ad essersi esibito nel tempio newyorchese della House music.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Claudio Coccoluto, il ricordo del figlio Gianmaria

Se tutti conoscevamo più o meno approfonditamente la carriera artistica e l’importanza di Claudio, quasi nessuno conosceva l’uomo che c’era dietro alla figura pubblica. Per raccontarlo a tutta Italia, il Corriere della Sera ha intervistato il figlio 27enne Gianmaria. Il ragazzo si è detto stupito e colpito dalla marea d’affetto di questi giorni, ennesima dimostrazione di come il padre avesse lasciato il segno nel cuore del pubblico, ma anche nel mondo dell’intrattenimento e della stampa.

Leggi anche ->Il messaggio straziante di Linus per la morte dell’amico Claudio Coccoluto

La prima cosa che sottolinea il ragazzo è che il padre non si è mai sentito al di sopra degli altri, anzi era una persona che amava condividere e includere tutti: “Nonostante la caratura e l’autorevolezza nel suo campo, ha sempre dedicato tempo agli altri, non ha mai fatto sentire nessuno escluso dalla sua cerchia…Non si è mai sentito un personaggio dello star system, è stato sempre vicino alla gente”. In un secondo momento sottolinea come sarebbe riduttivo considerarlo esclusivamente un dj: “Non è mai stato soltanto un dj, ma un comunicatore, docente alla Luiss e allo Ied, giurato a Sanremo, grafico… Ha dedicato la sua vita a tramandare un messaggio e a battersi con la musica e con le parole”.

Leggi anche ->Claudio Coccoluto, chi era il celebre dj: carriera, vita privata e malattia

Gianmaria racconta di come il padre abbia affrontato la malattia con grande coraggio e riservatezza. Di come abbia cercato di non fare pesare la sua condizione in casa e di come abbia celato il problema all’esterno per non essere compatito. Infine afferma che l’eredità, il messaggio che il padre ha lasciato a lui e a tutti risiede nella sua stessa vita: “Un ragazzo partito da Gaeta per fare un lavoro che non era un lavoro, quando il dj era considerato un passa-dischi… È stato un artista straordinario, ma anche un uomo normale, che la notte rientrava a casa e ha tirato su una famiglia sana”.