Coronavirus 4 marzo: il picco più alto di contagi da 3 mesi

Emergenza Coronavirus oggi 4 marzo in Italia: il picco più alto di contagi da 3 mesi, terza ondata, dati e situazione aggiornata.

(Kevin Frayer/Getty Images)

Tornano a fare paura i numeri del Coronavirus oggi in Italia: il dato che è stato appena reso noto sui nuovi contagi mostra un nuovo aumento. Non si avevano così tanti nuovi casi addirittura dal 4 dicembre scorso. Esattamente tre mesi dopo, dunque, la curva sembra tornare a risalire, in maniera meno netta ma ugualmente pericolosa.

Leggi anche –> Covid, Galli aveva previsto tutto

Infatti, nelle ultime 24 ore sono stati riscontrati 22.865 nuovi casi, il 4 dicembre furono 24.110, per poi scendere di circa 3mila il giorno dopo. Nella giornata di ieri, sono stati effettuati poi 339.635 tamponi antigenici e molecolari, quindi l’incidenza è del 6,7%, uno dei numeri più alti degli ultimi tempi.

Leggi anche –> Scuola, dove si passa alla Dad

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Dati Coronavirus oggi 4 marzo: la situazione aggiornata

Se si considerano soltanto i tamponi molecolari, l’incidenza sale al 10,5% e dunque su livelli che erano quelli della seconda ondata. Per quanto concerne invece dimessi e guariti, questi sono stati nelle ultime 24 ore 13.488 a cui si aggiungono i 339 decessi e sale a 446.439 il numero degli attualmente positivi. Impennata anche di ricoveri, che sono 22.632 (+458 rispetto al giorno precedente), dei quali 2.475 (+64) sono in terapia intensiva.

Se si considera l’aumento medio dei casi, abbiamo avuto nell’ultima settimana 18.669 casi in media al giorno, con un aumento del 27%, mentre i decessi in media sono stati 286 al giorno, ovvero il 4% in meno. Aumenta anche il numero di ingressi netti nei reparti di terapia intensiva, ieri erano 222, oggi sono 232 e per il terzo giorno consecutivo sono sopra quota 200. Questione vaccini: finora sono state somministrate 4,7 milioni di dosi, oltre 100mila nelle ultime 24 ore e la media giornaliera settimanale è di 126.516. Attualmente, sono disponibili ancora 1,8 milioni di dosi.