Rai Play non funziona, spettatori infuriati: cosa è successo

Un fastidioso inconveniente ha messo fuorigioco Rai Play durante l’esibizione di Achille Lauro a Sanremo: gli spettatori infuriati.

Gli spettatori online del Festival di Sanremo 2021 sono rimasti scandalizzati quando Rai Play ha incredibilmente smesso di funzionare proprio durante l’esibizione di Achille Lauro, decisamente la più spettacolare di tutta la serata. Gli utenti Rai hanno iniziato ad accusare il problema su Twitter, lamentandosi molto infastiditi: poco dopo il problema è stato risolto, ma nel frattempo l’esibizione di Achille Lauro è finita e gran parte del pubblico italiano se l’è persa.

Rai Play smette di funzionare durante l’esibizione di Achille Lauro, il pubblico furioso

Rai Play ha smesso di funzionare durante l’esibizione di Achille Lauro, che ha partecipato questa sera al Festival di Sanremo come ospite. L’artista è stato vestito di piume rosa e azzurre, ricoperte da glitter, e durante la sua performance ha addirittura iniziato a piangere sangue (chiaramente finto) dagli occhi truccati.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI!

Per fortuna i fans di Achille Lauro potranno rivedere l’esibizione in streaming online, sempre sui canali Rai. Nel frattempo Rai Play ha rincominciato a funzionare regolarmente, sebbene con il solito ritardo di circa un minuto rispetto alla messa in onda televisiva. Sul placo Achille Lauro ha recitato anche un poema molto particolare e ricco di significato: “Sono il Glam rock. Sono un volto coperto dal trucco. La lacrima che lo rovina. Il velo di mistero sulla vita. Sono la solitudine nascosta in un costume da palcoscenico. Sessualmente tutto. Genericamente niente. Esagerazione, teatralità, disinibizione. Lusso e decadenza. Peccato e peccatore, Grazia e benedizione. Un brano che diventa nudità. Sono gli artisti che si spogliano, E lasciano che chiunque Possa spiare nelle loro camere da letto e in tutte le stanze della psiche. Esistere è essere. Essere è diritto di ognuno. Dio benedica chi è”.