Jeff Bezos, che guaio: la super tassa spilla 5 miliardi a lui e ad altri ricconi

Negli Stati Uniti è in corso di discussione una tassa speciale appositamente studiata per “rendere l’economia più giusta”. E Jeff Bezos ed altri tremano.

Jeff Bezos super tassa
Jeff Bezos super tassa contro i ricchi Foto dal web

Jeff Bezos ed altri multimilionari rischiano di dover pagare una cifra spropositata al fisco. Sarebbe la conseguenza dell’Ultra Millionaire Tax Act, sul quale discutono in questi giorni i senatori negli Stati Uniti, su impulso della democratica Elizabeth Warrern. Il provvedimento, qualora dovesse passare, colpirebbe i super ricchi grazie alla imposta del 2% proposto sulle famiglie che hanno dei redditi annui a nove zeri.

Leggi anche –> Uomini più ricchi del mondo, la top 15: c’è anche una donna

Questa tassa ha come obiettivo quello di ridistribuire in modo più equo la ricchezza e l’economia. Si stima che tale imposta dovrebbe portare ad entrate pari alla bellezza di tremila miliardi di dollari in un arco di tempo di 10 anni. Anche se difficilmente qualcosa del genere dovrebbe trovare l’avallo per poter diventare effettivo. Difatti, per dirla in soldoni, il sistema capitalistico degli Stati Uniti è basato sul proteggere proprio i più ricchi e chi ha una capacità di spesa. Un principio che trova conferma anche nel sistematico affossamento di introdurre la sanità pubblica o di abolire la facilità di acquistare e di detenere armi. E proprio perché si tratta di due ambiti capaci di generare introiti pressoché infiniti. Ma la senatrice Warren è già partita all’attacco e denuncia violazioni importanti da parte dei cosiddetti mega ricchi.

Leggi anche –> Bezos, perché ha lasciato l’incarico di CEO di Amazon: cosa accade ora

Jeff Bezos, la super tassa studiata per colpire lui ed i più ricchi

Il riferimento sembra proprio rivolto a Jeff Bezos e ad altri. Il fondatore di Amazon e diversi facoltosi imprenditori di tutti i settori avrebbero ulteriormente ingigantito le loro immani ricchezze nel corso del 2020. Che per il resto del mondo è risultato essere un hannus orribilis, con la crisi economica globale scaturita dalla pandemia. “Lo 0,1% che i super ricchi rappresentano paga una aliquota inferiore alla quasi totalità della popolazione”. E l’aumento di ricchezza dei multimilionari è stimata nel 40% in più, prima della pandemia. Il sistema attuale favorisce troppo i più ricchi e le grandi multinazionali”.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Bill Gates non approva i Bitcoin: “Se non siete Elon Musk, fate attenzione!”

Chi sono gli altri multi milionari nel mirino

Proprio Jeff Bezos è attualmente l’uomo più ricco del mondo, secondo una recente stima. Lui dovrebbe versare ben 5,7 miliardi di dollari, al cambio oltre 6 miliardi e 879 milioni di euro. Una cifra veramente inimmaginabile. questo a fronte di un patrimonio stimato in 185 miliari di dollari (più di 223 miliardi di euro, n.d.r.). E se gli Stati Uniti versavano nel 2020 ed ancora continuano a farlo, in una crisi dalla quale non sarà affatto facile uscire in tempi rapidi, il fondatore di Amazon di contro ha incrementato il proprio patrimonio di 75 miliardi. Altri super ricchi ad essere colpiti da questa eventuale super tassa sarebbero nel caso Elon Musk, Marck Zuckerberg e Bill Gates, che pagherebbero tutti almeno 3 miliardi di dollari.