Aereo scomparso, il mezzo attraversa mezza Europa: non si sa dove sia

Si ignora dove sia finito un aereo scomparso e che ha volato in maniera tra l’altro non consentita per diversi Paesi.

Aereo scomparso Fly Armenia
Mistero aereo scomparso Fly Armenia Foto dal web

Un aereo scomparso continua a non mostrare alcuna traccia di sé. Ed il mistero va avanti ormai da giorni. Era il 20 febbraio 2021 quando un Boeing 737 della Fly Armenia è ufficialmente sparito durante il suo passaggio in Iran. A bordo non era accreditato alcun passeggero né nessun membro dell’equipaggio e sembra che ci fossero soltanto pilota e copilota. Manca qualsiasi indizio tale da far pensare ad un incidente.

Leggi anche –> Oggetto misterioso passa accanto ad aereo di linea: un UFO?

Infatti nell’ultima area in cui risulta esserci la posizione nota dell’aereo scomparso – presso il lago di Urmia – non vi è alcun segnò di uno schianto. Con nessun rottame né segno sul terreno. E non ci sono segnali di un incidente neppure in acqua. Sta ora emergendo un sospetto. Ovvero che il velivolo di grosse dimensioni abbia compiuto un atterraggio clandestino in Iran, dove ufficialmente vige un severissimo embargo. Il provvedimento è dettato dalla politica assunta in materia di contenimento della pandemia. Per cui i voli sono vietati in tutti i casi sia in uscita che in entrata su tutto il territorio della Repubblica Islamica. L’aereo del quale non si sa più nulla sarebbe stato quindi assorbito di nascosto da qualche aviolinea del posto. La quale ha così potuto acquisire un mezzo presumibilmente a basso costo e senza dovere sottostare a qualunque legge o controllo. Fermo restando che tale teoria corrisponderebbe comunque ad una serie di reati.

Leggi anche –> Attentato in centro di test Covid: esplosione in mattinata FOTO

Aereo scomparso, l’atteggiamento di Fly Armenia non convince

Circola in questo senso la voce che vorrebbe coinvolta la Caspian Airlines. Questo aereo era decollato dallìaeroporto di Tallinn, in Estonia, lo scorso 19 febbraio. Ma qualsiasi velivolo riconducibile all’Armenia non ha il permesso di attraversare i cieli dell’Europa. Fatto sta che questo mezzo è atterrato per delle verifiche tecniche a Hostomel, in Ucraina, mentre aveva come destinazione Dubai. Dopo questa sosta però l’aero si è diretto senza alcun motivo verso la Bulgaria, attraversando senza i necessari permessi lo spazio aereo della Romania.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Japan Airlines: se ti contagi in aereo la compagnia paga

Atterrato a Varna, il Boeing 737 della Fly Armenia è decollato il 20 febbraio per poi raggiungere dopo quattro ore l’Iran. Da lì è sparita ogni traccia e sulla vicenda sta indagando anche il Corriere della Sera. Neppure le autorità armene hanno fornito un qualche tipo di spiegazioni e la stessa Fly Armenia si è trincerata dietro al silenzio adducendo ad un procedimento legale in corso. Ci sono altri precedenti di aerei trafugati e fatti atterrare con la scusa di controlli tecnici, per poi optare un cambio illegale di bandiera divenendo di colpo ‘iraniani’. La compagnia armena ha un numero di assistenza per le prenotazioni che pare non funzioni. E più in generale sembra avere assunto un atteggiamento ambiguo sulla vicenda.