Vaccino Italia, via ai test di e-Vax: fatto nel nostro Paese, ha molti vantaggi

eVax vaccino Italia: questo è un potenziale ritrovato contro il virus, completamente concepito sul nostro territorio. Si cercano volontari.

vaccino Italia e-Vax test
Test vaccino Italia e-Vax FOTO Getty Images

Vaccino Italia, parte la sperimentazione di e-Vax, il ritrovato messo a punto da Takis e Rottapharm Biotech. Si tratta di due aziende farmaceutiche con sede rispettivamente a Roma ed a Monza. Il primo soggetto che riceverà una dose di 0,5 mg di quello che si spera possa diventare una ulteriore arma contro il proliferare del virus sarà un giovane di 21 anni.

Leggi anche –> Bonus baby sitter, chi può richiederlo e a quanto ammonta

La somministrazione avverrà all’ospedale brianzolo ‘San Gerardo’ di Monza. Nell’ambito della situazione vaccino Italia, la eventuale efficacia di e-Vax potrebbe risultare molto importante nel corso dei prossimi mesi. In particolar modo per quanto riguarda il finire del 2020, qualora Takis e Rottapharm dovessero ricevere i via libera necessari per la diffusione del loro rimedio. Per inoculare il vaccino Italia e-Vax è necessario un elettroporatore. Si tratta di una apparecchiatura necessaria per potere intervenire sulle cellule. Sembra anche che l’e-Vax sia suscettibile a delle semplici modifiche a seconda della variante del Coronavirus che sarà chiamato a contrastare. Anche a quelle contro le quali ad oggi i vaccini attualmente a disposizione sembrano essere scarsamente efficaci.

Vaccino Italia, i punti di forza di e-Vax

Un’altra buona notizia è costituita dalle modalità di conservazione di questo vaccino, che non richiede una gradazione proibitiva e può essere stipato anche a temperatura ambiente. La sua somministrazione può essere anche reiterata più volte nel corso del tempo. Un pò come si fa con un normale vaccino antinfluenzale. Il piano previsto per e-Vax prevede un monitoraggio del primo soggetto coinvolto, nelle successive 48 ore dalla somministrazione. Questo allo scopo di osservare eventuali effetti collaterali.

Leggi anche –> Vaccino Covid, in Gran Bretagna i primi strepitosi effetti: che numeri

Si cercano volontari per la fase di test

Toccherà poi ad altre cinque persone nel corso della settimana successiva, aumentando la quantità del dosaggio fino a 200 mg. Lo Spallanzani di Roma e l’Irccs Pascale di Napoli saranno altre importanti piazze all’interno delle quali sperimentare questo vaccino messo a punto in Italia.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Covid, due bimbi nati morti sono risultati positivi: come si sono contagiati

È possibile candidarsi come volontari per i test consultando il sito web della Asst di Monza. Qui è infatti disponibile un apposito modulo da compilare ed inviare. Occorre possedere determinate caratteristiche, come ad esempio quella di essere dei soggetti sani e privi di qualsiasi patologia in corso.