Solis San Andreas Jorge Edisson, chi è l’imprenditore finito ai domiciliari

Per l’inchiesta-scandalo sulla partita di mascherine anti-Covid dalla Cina, l’imprenditore Solis San Andreas Jorge Edisson è oggi agli arresti domiciliari.

Un giro di affari di oltre 1 miliardo di euro intorno alla fornitura di mascherine anti-Covi dalla Cina ha insospettito la procura di Roma, che ha infatti emesso cinque sentenze: una di arresti domiciliariquattro interdittive. Il giudice per le indagini preliminari, che si occipava del caso, ha infatti individuato i colpevoli del giro di denaro in cinque persone: Mario Benotti, Andrea Vincenzo Tommasi, Georges Fares Khouzam e Daniela Guarnieri e anche Solis San Andreas Jorge Edisson. Ma chi è l’imprenditore-intermediario? Ecco tutto quello che sappiamo su di lui.

Solis San Andreas Jorge Edisson, ecco chi è l’imprenditore

L’imprenditore, che si trova a capo di Guernica srl, è finito agli arresti domiciliari dopo l’emissione di una delle cinque sentenze del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma, che una settimana prima aveva avviato un sequestro preventivo da 70 milioni di euro. Invece, l’interdizione del divieto temporaneo dell’esercizio di attività d’impresa e del divieto di ricoprire incarichi è stata voluta dalla Procura per altri quatto imprenditori e amminsitratori delegati.

Leggi anche–> Striscia la notizia, inchiesta choc su farmaco anti-Covid non autorizzato

E’ stato proprio Solis il trader della Guernica, società ecuadoriana, che ha raccontato al pubblico dei telespettatori italiani dell'”Arena” la dinamica dei fatti criminosi. “Il 21 febbraio io arrivo dal Sud America. Mi hanno contattato miei conoscenti della Cina per lavorare con le mascherine.” – ha raccontato – “Mi ha chiamato Daniele Guidi, è mio amico da tre anni, e io gli dico: <<Daniele, la Cina mi ha chiamato, c’è l’opportunità delle mascherine>>. Io ho contattato quattro o più Paesi e abbiamo cominciato con le mascherine.

Leggi anche–> Inchiesta mascherine Coronavirus, Irene Pivetti: “Problemi di burocrazia…”

Solis ha poi terminato il suo racconto alle telecamere dell’Arena con la sua posizione riguardo alla vicenda: L’Italia a noi ci deve ringraziare, perché ha risparmiato 1 miliardo di euro, le mascherine cono arrivate con certificazione europea e nessuno ha truffato, come gli altri che ancora truffano. Noi siamo tranquilli e corretti. Io ho fatto risparmiare 1 miliardo di euro e ho dato credito all’Italia per 400 milioni di euro.”