Rocco Casalino, gli abusi del padre sulla madre: la difficile infanzia

Rocco Casalino parla della sua infanzia difficile. Gli abusi del padre e le violenze sulla madre lo hanno segnato profondamente. 

Casalino è nato in Germania ed è proprio lì che ha passato gran parte della sua infanzia. Durante la crescita ha dovuto far fronte a una situazione familiare difficile e a episodi di bullismo.

Grazie ai suoi sforzi è riuscito a diventare una figura di grande rilievo nei due governi Conte. Sotto l’ex premier ha vestito i panni di responsabile ufficio stampa della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Rocco Casalino: l’infanzia e il difficile rapporto con il padre

L’ex portavoce di Conte si racconta nella sua autobiografia: “Il Portavoce“. Il libro è uscito il 16 febbraio dopo avere dovuto far slittare la data.

Leggi anche -> Rocco Casalino, chi è la sorella Piera: è stata fondamentale per lui

Un’infanzia difficile. Suo padre era violento e spesso tornava a casa ubriaco. In quei momenti sfogava l’aggressività verso moglie e figli. Sono stati questi episodi che hanno compromesso definitivamente il rapporto tra padre e figlio. Un sentimento che ha “impregnato ogni fibra del suo essere” e che non l’ha abbandonato neanche in età adulta.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Fuori casa la situazione non migliorava. In Germania non ha avuto vita facile soprattutto perché gli altri ragazzini lo insultavano e lo prendevano in giro. La figura di suo padre è però quella che gli ha arrecato più dolore.

Leggi anche -> Rocco Casalino contro Barbara D’Urso: nel panico per colpa tua

Le violenze contro la madre erano all’ordine del giorno e lui e sua sorella trovavano rifugio nel bagno, l’unica stanza che potevano chiudere a chiave. La rabbia e il risentimento verso il genitore furono tali da non fargli provare compassione neanche quando il padre si trovava in ospedale.

Queste rivelazioni hanno toccato profondamente molti lettori. Casalino non si è lasciato abbattere dalle difficoltà ed è riuscito a farsi strada. “(…)Sono orgoglioso di dove sono arrivato non è tanto per il ruolo che ricopro ma perché non dimentico mai da dove sono partito, cioè dalle condizioni più svantaggiate dell’universo”, ha dichiarato durante un’intervista.