Alberto Genovese, emerge nuovo stupro ad Ibiza: “Niente domiciliari, resta in carcere”

Il Gip, pur non ritenendo sufficienti le prove su molte delle denunce di violenza, non concede i domiciliari a Alberto Genovese.

Continuano senza sosta le indagini della Procura di Milano su Alberto Genovese e le feste che l’imprenditore organizzava ormai da anni e nelle quali sono avvenute le violenze delle quali è accusato. Dopo la denuncia della modella 18 che ha portato al suo arresto, infatti, sono state moltissime le giovani che hanno sporto querela contro l’imprenditore per violenze sessuali subite. In queste ore è emersa una nuova ordinanza di custodia per uno stupro avvenuto nella sua casa di Ibiza.

Attualmente per il Gip che si sta occupando del caso, delle nuove otto violenze sessuali contestate a Genovese ci sono prove concrete e sufficienti solo per una, che si aggiunge a quella della modella 18enne che ha denunciato per prima. Di quella prima violenza denunciata, infatti, ci sono le immagini delle telecamere di sorveglianza di Terrazza Sentimento. In ogni caso tutto il materiale raccolto in questi mesi d’indagine conferma la strategia predatoria dell’uomo. Secondo il gip, dunque, è assodato che Genovese drogava le ragazze nel momento in cui non trovava qualcuna, bella e giovane, disposta a fare sesso estremo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Alberto Genovese: nuova violenza sessuale ad Ibiza, confermata la detenzione in carcere

Come detto in queste ore è stata ritenuta veritiera la denuncia di M., modella di 24 anni che ha denunciato Genovese per uno stupro subito ad Ibiza. La giovane si è presentata in questura poco dopo aver saputo che la diciottenne aveva denunciato l’imprenditore e prima che venisse arrestato. Ha raccontato di essere andata ad una delle feste di Genovese il 10 luglio e di essersi risvegliata a Villa Lolita (Ibiza). In quel luogo si sentiva sicura perché c’era anche la fidanzata dell’imprenditore, ma questa pare fosse coinvolta nelle violenze.

Leggi anche ->Alberto Genovese, chiesta la scarcerazione: “Voglio disintossicarmi”

Agli inquirenti ha dichiarato di avere avuto la netta sensazione di essere stata violentata mentre era incosciente perché era “drogata fino al midollo“. La giovane ha anche ammesso che sospettava che l’imprenditore fosse uno pericoloso, a cui piacevano le cose estreme, ma pensava lo facesse di nascosto, senza che la fidanzata lo sapesse. Testimoni presenti quel giorno a Villa Lolita hanno confermato che M. era in uno stato fisico pietoso il giorno dopo e che Alberto l’ha dovuta trasportare a braccio perché incapace di camminare sulle sue gambe.

Leggi anche ->Non è l’Arena, la vittima di Genovese: “Pensavo che mi avrebbe uccisa”

Attualmente dunque ci sono prove sufficienti e testimonianze convincenti solo per due delle nove denunce a carico di Genovese. Tanto è bastato al Gip per confermare la misura cautelare in carcere e negare all’accusato i domiciliari per disintossicarsi in clinica. Sull’imprenditore, infatti, il Gip ha espresso un parere molto duro, spiegando come a suo avviso il comportamento tenuto mostri un: “preoccupante maschilismo e un carattere prevaricatore, connotato da totale mancanza di rispetto verso il genere femminile”.