Vicepresidenza della Camera: è bagarre tra i partiti per la successione

Camera: domani è prevista l’elezione del nuovo vicepresidente al posto della ministra Mara Carfagna. In lizza Pd, Forza Italia e Lega

Camera dei Deputati – foto dal web

Il Governo Draghi è già operativo, ma la politica e i partiti non sono ancora del tutto concentrati soltanto sul lavoro da fare. Ci sono altre nomine da mettere a punto. Oltre alle poltrone di sottosegretari, lasciate da Draghi all’accordo tra i partiti a differenza dei ministri, c’è il formale ma importante ruolo di vicepresidente della Camera dei Deputati. Mara Carfagna, infatti, ha lasciato il posto vacante per andare a ricoprire il ruolo di ministro del Mezzogiorno. E’ corsa a tre per la successione. In lizza per la poltrona ci sono Lega, Forza Italia e Pd. Il Movimento 5s è fuori dalla partita perchè il presidente della Camera è Roberto Fico. La partita è apertissima.

Camera dei Deputati, è bagarre per la successione di Mara Carfagna

Forza Italia non è contenta dei ministeri ricevuti perchè sono tutti senza portafoglio. Per questo motivo ambisce alla poltrona di vicepresidente. I candidati sono: Stefania Prestigiacomo, già ministro in uno dei precedenti governi. Poi c’è Annagrazia Calabria e la vicecapogruppo Simona Baldelli e Andrea Mandelli, responsabile della Sanità del partito forzista. La Lega propone una persona tra Lorenzo Fontana e Barbara Santamartini. Infine, il Pd non ha lasciato ancora trapelare nomi ma sarebbe intenzionato a candidare un nome femminile, alla stregua degli orientamenti di Lega e Forza Italia. Quello delle quote rosa è stato un concetto lanciato dal Pd per la netta prevalenza di uomini nella squadra del Governo.

Leggi anche > Vaccini, il punto in Italia

Sia per quanto riguarda le figure di sottosegretari sia per la vicepresidenza della Camera dei Deputati, le donne avranno con certezza una prevalenza per rendere più equilibrato un Governo a tinte nettamente maschili. Anche per quanto riguarda la sostituzione di Mara Carfagna, Mario Draghi ha lasciato che siano i partiti a decidere.

Leggi anche > Brescia, paura per la variante

Mara Carfagna