Roma, Variante Brasiliana Covid a scuola: primo caso nel Lazio

Emergenza Coronavirus a Roma, Variante Brasiliana Covid a scuola: primo caso nel Lazio, istituto scolastico chiuso.

(Jeff J Mitchell/Getty Images)

Quella che viene ritenuta una delle varianti più pericolose del Covid-19, ovvero la variante ‘brasiliana’, “sbarca” a scuola: un caso è stato scoperto a Roma che nei giorni scorsi. L’istituto scolastico in cui è stata rinvenuta la variante era già chiuso per l’emergere di un caso di variante ‘inglese’. Nello specifico erano state chiuse le sezioni della materna e della elementare.

Leggi anche –> Galli: “Vaccino a personale delle scuole, zone a colori non servono”

In queste ore, però, è stato deciso di estendere tale provvedimento anche alla scuola media dell’istituto Sinopoli-Ferrini, nel quartiere Africano della Capitale. La decisione è emersa dall’Asl Roma 1, che ha scelto di chiudere l’istituto scolastico a partire da domani e fino a data da destinarsi. La situazione, infatti, è considerata abbastanza preoccupante.

Leggi anche –> Coronavirus, la variante brasiliana potrebbe ‘resistere’ al vaccino

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Variante Brasiliana Covid a Roma: cosa sta succedendo

(Diana Bagnoli/Getty Images)

In particolare, l’elevato numero di tamponi molecolari da effettuare ad alunni, docenti e lavoratori, ha fatto optare per una decisione così drastica. La situazione è in evoluzione e non è chiaro quanto appunto l’istituto scolastico comprensivo dovrà ora restare chiuso. Questo della variante brasiliana trovata in un istituto scolastico è il primo caso del genere che si registra a Roma e nel Lazio. Ma è ormai evidente che queste varianti, per molti versi ancora sconosciute, sono diffuse nel nostro Paese.

Quella brasiliana è la terza nuova variante emersa negli ultimi due mesi, che si aggiunge a una identificata nel Regno Unito e un’altra in Sud Africa. Nelle scorse settimane, rispetto a questa, si era manifestata molta preoccupazione, in particolare perché si teme che le nuove mutazioni – e appunto quella ‘brasiliana’ che è al momento la meno conosciuta – possano essere in grado di schivare il sistema immunitario, anche dopo la vaccinazione o una precedente infezione.