Inail, niente risarcimento per chi non si vaccina: le categorie

Inail potrebbe non riconoscere il risarcimento in caso di contagio Covid sul posto di lavoro per chi non si vaccina

Vaccino FOTO Getty Images

L’Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro potrebbe decidere di rifiutare il risarcimento nei confronti di coloro che rifiutano il vaccino e poi si ammalano di Covid-19. La problematica è nata dal fatto che 15 infermieri dell’ospedale San Martino di Genova rifiutarono il vaccino anti-Covid, che di fatto non è obbligatorio in Italia, ma successivamente si sono ammalati. L’Istituto sta pensando di non risarcirli ed è stata aperta una istruttoria in merito. Nell’ospedale genovese, nella prima fase delle vaccinazioni Covid riservata al personale sanitario previsto in tutta la Penisola, sono stati 593 gli infermieri su 3.120 che hanno rifiutato la somministrazione del vaccino anti-Covid.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Inail, istruttoria su ipotesi del mancato risarcimento

In merito il Corriere della Sera ha intervistato l’ex ministro del lavoro Cesare Damiano: “La soluzione migliore sarebbe una legge sull’obbligo di vaccinazione, almeno per alcune categorie. A mio giudizio – prosegue l’ex ministro –  è logico che chi decide di non vaccinarsi e svolge una mansione a rischio poi non possa chiedere il riconoscimento dell’infortunio sul lavoro. Anzi, dovrebbe essere messo nelle condizioni di non essere un pericolo per sé e per gli altri, evitando il licenziamento, ma svolgendo mansioni che non hanno contatto con il pubblico”. 

Ora la parola e agli esperti che si stanno occupando dell’istruttoria. Qualora l’esito dovesse essere a favore di un mancato risarcimento per coloro che rifiutano il vaccino, la questione andrebbe poi estesa anche ad altre categorie e bisognerà distinguere quali. Nel 2020 il 39,2 delle richieste di risarcimento da infortuni sul lavoro pervenute all’Inail ha riguardato personale sanitario.

Leggi anche > Governo, nuovo dpcm

Nel 2020, però, non c’era il vaccino. E’ naturale che con il siero, la situazione per l’Istituto deve essere diversa. Dall’istruttoria si avrà una risposta importante. Non sono pochi i sanitari che rifiutano il vaccino in Italia.

Leggi anche > Congo, chi era l’ambasciatore morto

Vaccinazione – foto dal web