Luigi Tenco, chi era davvero il padre: ipotesi Ferdinando Micca, allora 16enne

Il padre naturale di Luigi Tenco era un ricco torinese, Ferdinando Micca. Ecco tutto quel che c’è da sapere sul suo conto.  

Luigi Tenco nacque il 21 marzo 1938 a Cassine in Piemonte da una relazione extraconiugale tra Teresa Zoccola e Ferdinando Micca. Scoprì di essere figlio illegittimo da ragazzino: “Fu come se il mondo mi crollasse addosso: mi sentii tradito, divenni diffidente, chiuso, scontroso” disse lui stesso. Ripercorriamo insieme la dolorosa vicenda familiare.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il “giallo” del genitore di Luigi Tenco

La madre di Luigi Tenco, Teresa Zoccola, separata dal marito e cameriera presso una famiglia molto benestante di Torino, i Micca. Ebbe una relazione con Ferdinando (1921-1983), che appena sedicenne la mise incinta. La donna venne poi allontanata e ritornò a Cassine (Alessandria), e Luigi prese il cognome del marito della ragazza (come previsto dalla legge del tempo), Giuseppe Tenco, che morì prima che lui nascesse per un incidente sul lavoro. I due avevano già un figlio, Valentino. Tenco scoprì da ragazzo che il defunto Giuseppe non era il suo vero padre; Ferdinando Micca aveva intanto tentato di riconoscerlo come proprio figlio già da subito, ma il padre glielo impedì, e un simile rifiuto opposero a Teresa i genitori del marito, che diseredarono il piccolo Luigi; Ferdinando sposerà poi un’altra donna e non avrà altri figli.

Leggi anche –> Luigi Tenco, Patruno rivela: “Presto il nome di chi l’ha ucciso”

Luigi Tenco trascorse la prima infanzia tra Cassine e Ricaldone (paese d’origine della madre, sempre in provincia di Alessandria) finché nel 1948 la famiglia si trasferì in Liguria, prima a Nervi (nella casa del nonno Giovanni Zoccola) e poi a Genova, dove la madre aprì un negozio di vini. Quel vuoto legato all’assenza di una figura paterna, però, peserà sempre sul vissuto di Luigi Tenco uomo e artista. Il resto è storia…

Leggi anche –> Luigi Tenco si suicidava a Sanremo il 27 gennaio 1967: cosa accadde davvero