Dramma a Treviso: padre uccide figlio di due anni, poi il suicidio

Ancora un dramma familiare, stavolta a Castello di Godego, provincia di Treviso: padre uccide figlio di due anni, poi il suicidio.

(screenshot video)

Un uomo, 43 anni, avrebbe strangolato il figlio piccolo per poi togliersi la vita. Il dramma si è consumato nella tarda mattinata di oggi a Castello di Godego, comune di settemila abitanti in provincia di Treviso. A scoprire la tragedia il nonno del bambino, che si è recato sul posto. Un paese è sotto choc per quanto accaduto oggi.

Leggi anche –> Prigione di Alcatraz, perché venne chiusa per sempre il 21 marzo 1963

In base alle prime informazioni che si hanno in questi minuti, il padre che ha ucciso il figlio prima di uccidersi si chiamava Egidio Battaglia, classe 1977. L’uomo ha soffocato il figlio Massimiliano di soli due anni. Quindi si è tolto anche egli la vita. La tragedia si è consumata nel piccolo comune, in Piazza Città di Boves.

Leggi anche –> Arianna Nanni, chi è la figlia di Ilenia Fabbri: non era in casa al momento dell’omicidio

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il dramma in provincia di Treviso: padre suicida, prima uccide il figlio di 2 anni

Sono ancora pochi gli elementi di questa tragedia che è possibile appurare dalla cronaca locale, che ha seguito la vicenda da vicino. Secondo quanto finora emerso, l’uomo che ha ucciso il figlio per poi suicidarsi è dipendente dell’azienda “Pavan” a Galliera Veneta. Sappiamo anche finora che a scoprire il corpicino del piccolo e il cadavere del padre 43enne è stato il nonno del bambino, che si è recato sul luogo della tragedia forse allertato poco prima da suo figlio.

L’uomo dopo aver soffocato il figlioletto, si sarebbe tagliato la gola ed è morto dissanguato. Nulla da fare all’arrivo di mezzi e uomini del Suem 118: padre e figlio erano già deceduti da un po’. La morte del genitore è sopraggiunta in pochi minuti, successivamente al soffocamento del figlio. Non si conoscono i dettagli ulteriori, né si sa quale sia il movente della tragedia. Sul luogo del dramma, si è recato in questi minuti il Pm Mara De Donà, a cui è stato affidato il fascicolo del caso.