Fiordaliso, il fratello Luciano morto a 40 anni per tumore al cervello: “Era una larva”

Il fratello della cantante Fiordaliso, Luciano, ha vissuto un dramma, in quanto è morto giovanissimo a causa di un tumore. 

La cantante piacentina Fiordaliso, di 65 anni, vive da sola e si è dichiarata felicemente single. La donna ha raccontato in un’intervista di aver detto basta agli uomini.

Fiordaliso ha scelto di lasciar perdere gli uomini per varie ragioni, tra queste la menopausa: “Gli ormoni vengono meno, ma anche perché sto bene da sola, non ho più volta di mandare i messaggini, di chiedere di poter uscire con le amiche. Non me ne accorgo se un uomo mi guarda con sensualità“, ha rivelato. La cantante ha svelato di voler essere libera, le bastano i suoi due cani, i due figli e i genitori. L’artista ha dato alla luce il primo figlio da giovanissima, in un’evento che ha sconvolto la sua vita.

LEGGI ANCHE -> Fiordaliso, la feroce polemica per lo spot in tv: violento e contro le donne

LEGGI ANCHE -> Fiordaliso figli, chi sono: uno è nato quando lei aveva 15 anni

 

 

 

 

 

 

 

Fiordaliso, lo straziante dolore per il fratello Luciano

Fiordaliso è rimasta incinta a soli 15 anni e ha partorito a 16. Suo padre non è stato entusiasta all’epoca e la mandò in un istituto per ragazze madri, ma fortunatamente con il tempo i rapporti con i suoi genitori sono migliorati. La famiglia molto unita l’ha aiutata a superare il dramma del fratello Luciano, il più piccolo di sei, che è morto molto giovane.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Il fratello della cantante, Luciano, ha scoperto di avere un tumore al cervello quando aveva solo 40 anni ed è morto poco tempo dopo: “Secondo me gli hanno fatto anche un accanimento terapeutico, era un dolore troppo grande per lui. Negli ultimi tempi era cieco, non ci sentiva più, era ridotto ad una larva, quindi fermai un dottore e gli chiesi come fare per farlo andare in cielo, fategli una puntura gli dissi“. Fiordaliso ha ammesso che sarebbe andata persino in galera per suo fratello, pur di non farlo soffrire.