Stefano Tacconi a Pomeriggio 5: “Non so quanto mi resta da vivere”

La testimonianza choc dell’ex portiere Stefano Tacconi a Pomeriggio 5: “Non so quanto mi resta da vivere, voglio fare un’esperienza in Cina”.

(screenshot video)

Il desiderio di Stefano Tacconi, ex portiere della Juventus e della Nazionale, di andare ad allenare in Cina sta scatenando il putiferio. Infatti, Laura Speranza – moglie dell’ex calciatore – ha spiegato in diverse occasioni che non solo non accetterebbe il trasferimento del marito nel Paese orientale, ma che sarebbe pronta a lasciarlo.

Leggi anche –> Stefano Tacconi, chi è: età, vita privata e storia dell’ex portiere

Frasi che non sono passate inosservate e così adesso è il turno delle vicende familiari di Stefano Tacconi, dopo il caso legato ai figli e alle moglie e compagne di Walter Zenga. L’ex numero uno juventino degli anni Ottanta, insomma, adesso è al centro di un caso mediatico, finito anche a Pomeriggio 5.

Leggi anche –> Laura Speranza, chi è la moglie di Stefano Tacconi: età e vita privata

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le parole di Stefano Tacconi a Pomeriggio 5 dividono il pubblico

Nel salotto di Barbara D’Urso, per motivare quelle che sono le sue ragioni, si è presentato oggi proprio Stefano Tacconi, che ha peraltro scioccato i telespettatori con le sue argomentazioni. Infatti, l’ex portiere della Juventus ha affondato il colpo, sostenendo a un certo punto della trasmissione: “Non sono quanto mi rimane da vivere, ho visto tanti negli ultimi tempi andarsene”. Parole che sono riferibili – presumibilmente – anche a dei recenti lutti che hanno colpito il calcio, primi fra tutto la scomparsa di Diego Armando Maradona e poi di Paolo Rossi.

Stefano Tacconi ha quindi aggiunto: “Abbiamo una certa età, vorrei vivere questa esperienza”. Barbara D’Urso ha replicato: “Con questo ragionamento, a maggior ragione dovresti rimanere con la tua famiglia, scusami”. In molti si sono schierati, sia in studio che sui social, con la conduttrice e le sue parole. Ma c’è anche chi appoggia la scelta dell’ex portiere: “Se Tacconi vuole andare ad allenare in Cina per mille motivi è liberissimo di farlo senza venire assalito da un gruppetto di opinionisti ridicoli che parlano con frasi fatte”.