Sei Regioni in zona arancione da venerdì: nuove restrizioni in arrivo

A partire da venerdì sei Regioni verranno spostate in zona arancione per via dell’aumento dei casi di covid: nuove restrizioni in arrivo.

Sebbene nelle ultime settimane sia stato registrato un abbassamento dei contagi e dei decessi per Covid-19, la situazione sembra tutt’altro che rosea. A preoccupare è la diffusione in tutta Italia delle varianti del virus, una diffusione che potrebbe portare presto ad un riacutizzarsi della diffusione epidemica e ad un nuovo picco. Proprio per questo a partire da questo venerdì, il Ministero della Salute potrebbe inserire in fascia arancione altre sei regioni in cui sono state riscontrate queste varianti.

Attualmente sono poste in zona arancione: Abruzzo, Liguria, Toscana, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia autonoma di Trento, Sicilia, Umbria. Se confermate le ipotesi di queste ultime ore, si aggiungerebbero: Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche e Piemonte. In Lombardia già quattro comuni sono stati inseriti in zona rossa per l’aumento di casi e di decessi legati alla diffusioni di nuove varianti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Covid, sei regioni in zona arancione da venerdì: preoccupano le varianti del virus

La diffusione delle varianti è la preoccupazione principale degli esperti, visto anche le conseguenze che queste hanno causato agli altri Paesi dell’Europa. Qualche giorno fa il consigliere di Roberto Speranza, Walter Ricciardi, ha proposto un lockdown totale di due settimane per interrompere sul nascere la diffusione delle varianti ed evitare problemi più gravi successivamente. Una proposta che ha diviso il mondo scientifico e l’opinione pubblica, ma che potrebbe essere una soluzione efficace per quanto dolorosa.

Leggi anche ->Covid, scoperta nuova rara variante: “Primo caso in Italia”

Intervistato sulla necessità di misure più rigide, il primario dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, ha dichiarato: “siamo tutti d’accordo che vorremmo tutti riaprire, ma io mi ritrovo di nuovo un reparto invaso da nuove varianti, e questo riguarda tutta l’Italia e questo fa facilmente prevedere che a breve avremo problemi più seri”. Parlando degli effetti di queste varianti, poi ha aggiunto: “Le avvisaglie vengono guardando cosa sta succedendo in altri paesi europei e le varianti. Le varianti ci sono e sono maggiormente contagiose e quindi hanno maggiore capacità a diffondersi in situazioni che non si ristendono sicure. E’ spiacevole ma è un dato di fatto. Questa è la realtà intorno a cui è inutile fare chiacchiere”.

Leggi anche ->Covid, in Lombardia scatta la zona rossa: chiude tutto, ecco dove