Partorisce dopo sei aborti spontanei: “Un sensitivo l’aveva predetto”

Ben sei aborti spontanei sono serviti ad una 27enne prima di potere provare la gioia di essere madre. Lei si era rivolta ad un sensitivo.

aborti spontanei incinta
Sei aborti spontanei poi finalmente partorisce Foto dal web

Una donna partorisce dopo sei aborti spontanei. La 27enne Shannon Reed è riuscita finalmente ad avere una bella bambina. Ma negli ultimi sette anni, con cadenza pressoché annuale ha sempre dovuto fare i conti con delle gravidanze interrotte all’improvviso. Con tutti gli sconvolgimenti anche psichici oltre che fisici legati alla cosa. La giovane è residente a Northumberland, in Inghilterra, e si era anche rivolta ad un sensitivo a causa del dolore che questa condizione ha comportato.

Leggi anche –> Michelle Hunziker, lei svela il suo amore per le donne: “Quanta pazienza”

La prima volta che rimase incinta, Shannon aveva 20 anni. Poi ha avuto altri aborti spontanei oltre a contrarre anche una antifosfolipide (APS), nota anche come sindrome del sangue appiccicoso. È una condizione autoimmune che fa sì che il corpo attacchi erroneamente i tessuti sani. Finalmente, ad ottobre 2019, è nata Liaarni. E la sua giovane mamma ritiene che quel sensitivo le abbia predetto sia gli aborti spontanei che la nascita di un altro bambino in futuro. “Alcune persone non credono in questo genere di cose, ma a me fanno stare meglio e mi trasmettono tranquillità”. Questo consulto arrivò dopo il terzo dei suoi aborti spontanei. La nascita della bambina, che ora sta benissimo, è ora il giusto premio dopo tanto penare.

Leggi anche –> Giuseppe Basso, il Covid uccide il noto oncologo dei bambini

Aborti spontanei, dopo sei volte finalmente la lieta notizia

I dottori avevano detto alla allora 20enne Shannon che una gravidanza su quattro culmina con una interruzione dopo le prime 12 settimane. Ed è considerata quasi una cosa normale. Ma poi è giunta una serie ininterrotta di aborti. E quando succede, è come se perdessi una parte di te, come affermato dalla giovane. Ogni volta la brutta notizia è accaduta prima dello scoccare della decima settimana. E la quinta volta lei si è anche lasciata con il suo fidanzato di allora. Si è quindi messa con un’altra persona restando incinta per la sesta volta, ad agosto 2018. Ma nel frattempo anche questa relazione è naufragata. Pure qui ecco emergere la tetra consapevolezza nel dovere interrompere tutto, oltre alla sindrome APS. Che è pericolosa in quanto può dare adito alla formazione di grumi di sangue nella placenta.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Meghan Markle incinta, ufficiale: “Archie sarà fratello maggiore” FOTO

Ora Shannon pensa a dare un fratellino alla piccola Liaarni

A febbraio 2019 la scoperta dell’essere incinta per la settima volta. Con tutti i sentori di paura del caso. “Ogni volta pensavo di sanguinare quando andavo in bagno. Poi ho fatto un sogno. Ho sognato una bambina ed immaginavo me stessa chiamarla Liaarni”. Detto fatto, questa era la volta buona, ed alla 36/a settimana una scansione definitiva finalmente ha dato a Shannon la notizia tanto desiderata. Il parto è avvenuto il 18 ottobre dello stesso anno. Liaarni era perfettamente sana. In passato lei si era lasciata prendere dall’euforia, comprando degli oggetti per il nascituro. Salvo poi dovere mettere tutto da parte, con estrema mestizia. Ora Liaarni sta imparando a parlare ed a camminare. E Shannon sta pensando di darle un fratellino, anche se ha comprensibilmente molta paura.