Il dramma di Maddalena Imperato: la cantante e la lotta al tumore

La battaglia e il dramma di Maddalena Imperato: la cantante e la lotta al tumore, ha attivato anche una raccolta fondi.

(screenshot video)

Ha solo 34 anni, Maddalena Imperato la giovane donna di Portici, nel napoletano, che da tempo lotta contro una malattia grave e rarissima. Infatti, la donna è affetta da un leiomiosarcoma inoperabile, aggravato da un linfoma e dall’anemia da distruzione di globuli rossi. Mamma di una bimba di soli 4 anni, da tre lotta contro il cancro.

Leggi anche -> Morto Claudio Sorrentino, lutto gravissimo nel mondo del cinema

In realtà, i primi sospetti arrivano quando più di 4 anni fa, durante la gravidanza, la donna scopre di avere valori alterati. Non può però sottoporsi a esami più approfonditi. Questi sono troppo invasivi e il rischio è che la donna possa perdere la figlia. La musicista scopre la malattia rarissima solo dopo il parto.

Leggi anche -> Morto Carman, personaggio televisivo e cantautore molto amato

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

La battaglia di Maddalena Imperato: la cantante e la sua raccolta fondi

Da allora, ha girato diversi centri specializzati in tutta la Campania e nel frattempo ha dovuto smettere di esibirsi. Con l’arrivo della pandemia Covid, la sua situazione si è poi ulteriormente aggravata. Ha bisogno di cure e deve muoversi tra il Cardarelli di Napoli e il Moscati di Avellino, dove riceve le trasfusioni. Questo perché nel frattempo, il reparto dell’ospedale partenopeo è stato destinato ai pazienti affetti da Coronavirus. Non solo: la donna non potrà nemmeno ricevere la chemioterapia, poiché considerata troppo invasiva per i problemi che ha.

Il leiomiosarcoma è una malattia degenerativa, oltre che un tumore. Non può essere curato, ma qualcosa si può fare per rallentarlo. Anche per tale ragione, la cantante Maddalena Imperato ha fatto ricorso a una raccolta fondi su GoFundMe. Intende, grazie a questa, avere accesso a una cura sperimentale, fatta di un mix di farmaci che possono consentire il rallentamento del decorso della malattia. Non solo: spera anche che quei soldi possano servirle per garantire un’educazione alla figlia. Al momento, intanto, ha raccolto 16mila euro da circa 550 sottoscrittori.