Lombardia zona arancione, accadrà dal 22 febbraio: i motivi

Serio rischio Lombardia zona arancione, la cosa appare ormai come una certezza. Perché la retrocessione dalla zona gialla sarà realtà.

Lombardia zona arancione
Rischio Lombardia zona arancione FOTO Getty Images

Lombardia zona arancione da lunedì 22 febbraio 2021. Il rischio è concreto, così come per altre cinque regioni che al momento si trovano in zona gialla. Si tratta di Lazio, Emilia-Romagna, Marche, Piemonte e Friuli-Venezia Giulia. Mentre in zona rossa rischia di finirci l’Abruzzo del tutto, dopo che parte della regione è già a rischio massimo e la rimanente parte è invece sottoposta a quello intermedio.

Leggi anche –> Covid, la verità di Burioni sulle varianti: “Emergono continuamente”

Riguardo alla Lombardia zona arancione, questa sembra purtroppo essere una eventualità sempre più concreta. E ciò è da ricondurre ad un evidente aggravarsi della situazione legata alla pandemia, con i contagi che restano alti. Il bollettino di mercoledì 17 febbraio 2021 riferisce di oltre 1700 nuovi infetti. E quattro comuni erano finiti in lockdown circoscritto per una settimana. Si tratta di Bollate (Milano), Castrezzato (Brescia), Viggiù (Varese) e Mede (Pavia), nei quali è presente la variante Covid cosiddetta inglese. Queste località vedranno l’arrivo anche dell’Esercito a presidio del territorio. Una decisione verrà presa nella giornata di venerdì 19 febbraio nel corso di una riunione tra il Governo ed il Comitato Tecnico Scientifico.

Leggi anche –> Calabria, inizia la vaccinazione degli insegnanti: da lunedì scuole chiuse per 20 giorni

Nel corso della scorsa settimana proprio la Lombardia ha conosciuto il peggioramento più sensibile tra tutte e venti le regioni italiane. E l’indice Rt a Milano città risulta essere superiore al valore critico di 1, che secondo i criteri vigenti, impone la zona rossa fino a 1,24. Più in generale l’intera Lombardia conta 4.066 casi di ricoveri in ospedale per via del virus. Con un aumento di 128 unità rispetto al lunedì 15 febbraio.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Draghi, vaccini in aeroporti e stadi: intervengono Protezione Civile ed Esercito

Con la zona arancione non sarà consentito lasciare il proprio Comune di residenza, eccezione fatta per le situazioni di emergenza legate a lavoro, salute, studio ed assistenza a persone non autosufficienti. I ristoranti, i bar e simili restano aperti solo per asporto e consegna a domicilio. Intanto la Regione ha dato ufficialmente il via al Piano Vaccini, cominciato proprio lunedì scorso.