Dubai, la principessa Latifa ostaggio del padre: il caso genera polemiche

Sequestro di persona choc a Dubai, la principessa Latifa ostaggio del padre: il caso genera polemiche in tutto il mondo.

(screenshot video)

Il caso di Sheikha Latifa bint Mohammed Al Maktoum – la figlia del primo ministro degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum – sta coinvolgendo l’opinione pubblica internazionale. La figlia del sovrano miliardario di Dubai, che ha tentato di fuggire all’estero nel 2018, è apparsa in registrazioni finora inedite.

Leggi anche -> Morto Claudio Sorrentino, lutto gravissimo nel mondo del cinema

Sostiene la giovane di essere tenuta in ostaggio in una “villa trasformata in prigione” senza accesso ad assistenza medica. Le rivelazioni emergono in un documentario che è stato mandato in onda dalla BBC. La donna è stata vista pubblicamente l’ultima volta nel marzo 2018 a bordo di uno yacht al largo delle coste dell’India.

Leggi anche -> Morto Carman, personaggio televisivo e cantautore molto amato

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Che fine ha fatto la principessa Latifa: segregata dal padre?

Un raid delle forze indiane ed emiratine l’ha riportata a Dubai , secondo due persone che avevano contribuito a pianificare la sua fuga. Era il suo secondo tentativo fallito di fuggire all’estero dopo che in precedenza aveva tentato di lasciare gli Emirati Arabi Uniti nel 2002 da adolescente. Nel video inedito si vede la principessa lamentare: “Sono un ostaggio. Questa villa è stata trasformata in prigione. Tutte le finestre sono sbarrate. Non posso aprire nessuna finestra… Sono sola, in isolamento. Nessun accesso all’assistenza medica, niente di niente”.

La principessa Latifa ha registrato lei stessa i video con un telefono cellulare. Con la complicità di qualcuno, si nascondeva in un bagno chiuso a chiave e girava i clip che ora fanno il giro del mondo. Il documentario dice che circa un anno dopo che Latifa è stata riportata a Dubai, la sua amica Tiina Jauhiainen è stata contattata da qualcuno che l’ha aiutata a riconnettersi segretamente con lei. La Jauhiainen è riuscita a far arrivare un telefono a Latifa e da allora la principessa ha registrato molti videomessaggi. Con questi dunque denuncia la sua situazione. “La polizia mi minaccia che non vedrò mai più il sole. Non sono al sicuro qui”, dice la principessa Latifa in un altro video. E adesso la comunità internazionale si mobilita.