Giuseppe Basso, il Covid uccide il noto oncologo dei bambini

Giuseppe Basso Covid, il professore stimato in tutto il Veneto morto a causa del virus. Zaia lo ricorda così: “Salvò migliaia di bimbi”.

Giuseppe Basso Covid morto
Padova Giuseppe Basso Covid morto Foto dal web

Giuseppe Basso, stimatissimo dottore che dirigeva il reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale di Padova, è morto a causa del Covid. La triste notizia è giunta nelle scorse ore, dopo l’avvenuto decesso nelle prime ore di martedì 16 febbraio 2021. Lo stimato professionista ha contribuito a salvare la vita di tantissimi bambini nel corso della sua lunga carriera in corsia.

Leggi anche –> Varianti Covid, l’allarme di Galli: “Il Sacco è invaso, presto grossi problemi”

Purtroppo il dottor Giuseppe Basso era risultato positivo da svariate settimane, finendo anche con il dovere ricevere ricovero in terapia intensiva. Da metà mese risultava intubato e doveva respirare con l’ausilio dei macchinari. A piangerlo sono la moglie ed il loro figlio di soli 7 anni. In passato l’uomo aveva diretto la Clinica di Oncoematologica pediatrica dell’Azienda Ospedale Università. Era anche presidente dell’Istituto di Ricerca Città della Speranza e nell’ambito della cura ai tumori pediatrici rappresentava un vero e proprio faro.

Leggi anche –> Il piano di Draghi: zone rosse mirate, vaccinazioni in caserme e palestre

Giuseppe Basso, il Covid porta via un’altra illustre personalità

In tantissimi lo stanno ricordando sui social network, con messaggi nei quali trovano risalto l’umanità e la preparazione che contraddistinguevano il professor Giuseppe Basso. Attualmente era in pensione ma si era dato molto da fare nel tentativo di arginare la pandemia ed i disastrosi effetti ad essa correlati.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Salvini Zaia, i complimenti che nascondono una rivalità FOTO

Anche Luca Zaia, governatore della Regione Veneto, ha rilasciato un commento a ricordo dello stimato professionista, definito “un grande scienziato”, e la cui perdita “rappresenta una mancanza enorme per la nostra comunità. Con il suo lavoro ha salvato la bita a migliaia di bambini”. Una nota in memoria del professor Basso è comparsa anche sul sito web ufficiale della Regione Veneto. Ed i commenti che omaggiano questa personalità illustre si susseguono ancora sui social.