Coronavirus, nuova variante inglese: forse resistente al vaccino

Emergenza Coronavirus, scoperta una nuova variante inglese: potrebbe essere forse resistente al vaccino, le ultime notizie.

(ERIKA SANTELICES/afp/AFP via Getty Images)

Gli scienziati hanno identificato un’altra nuova variante del coronavirus nel Regno Unito con alcune mutazioni potenzialmente preoccupanti. Il suo nome è B.1.525, per ora sono stati segnalati 38 casi e sembra simile alla variante sudafricana. Desta dunque molta preoccupazione rispetto alla capace di resistenza.

Leggi anche > Covid, muore l’oncologo dei bambini

I ricercatori dell’Università di Edimburgo segnalano finora 2 in Galles e 36 in Inghilterra, in campioni risalenti a dicembre. Altri casi simili trovati in Danimarca, Nigeria e Stati Uniti. Esperti britannici lo stanno studiando per capire quale rischio comporta. È troppo presto per dire se debba essere aggiunto all’elenco delle “varianti pericolose”.

Leggi anche > Varianti Covid, il Sacco di Milano è pieno

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Nuova variante inglese del Coronavirus: ecco cosa sta accadendo e cosa comporta

(JENS SCHLUETER/AFP via Getty Images)

Comunque possiamo considerarla in questo momento a tutti gli effetti una variante “sotto inchiesta”. Il professor Ravi Gupta, dell’Università di Cambridge, a tal proposito ha evidenziato che B.1.525 sembrava avere “mutazioni significative” già viste in alcune delle altre nuove varianti. La professoressa Yvonne Doyle della Public Health England (PHE) ha dichiarato che “non ci sono attualmente prove che questo insieme di mutazioni causi malattie più gravi o una maggiore trasmissibilità”.

In ogni caso, sembra che uno di questi cambiamenti del B.1.525 è una mutazione chiamata E484K – presente anche nelle varianti brasiliana e sudafricana – che può aiutare il virus a eludere alcune delle difese del sistema immunitario del corpo. Altre modifiche lo rendono simile alla variante britannica nota come “Kent”, ritenuta più contagiosa, fino al 70% di casi in più, e più letale. La preoccupazione insomma è che il virus stia cambiando in modi che potrebbero facilmente diffondersi e sfuggire ai vaccini che sono attualmente in uso per combatterlo.