Alda D’Eusanio torna a parlare di Laura Pausini | Il post instagram

Alda D’Eusanio non sembra voler smettere di parlare di Laura Pausini, dopo la querela da parte degli avvocati della cantante. Ecco il post su instagram.

Non smette di far parlare di sè Alda D’Eusanio. Dopo l’eliminazione dal Grande Fratello VIP in seguito a diverse uscite giudicate inammissibili dalla produzione, dalla battuta a sfondo razzista fino a parole infamanti nei cofronti di varie persone, aveva ricevuto una querela da parte degli avvocati di Laura Pausini e Paolo Carta. La giornalista aveva infatti sostanzialmente accusato il chitarrista, compagno da anni della Pausini, di picchiarla, di “darle un sacco di botte“. Parole durissime e gravi che non sono piaciute affatto ai due musicisti che hanno provvedimenti legali. Oggi, la D’Eusanio è tornata a parlare di Laura, o meglio, con Laura.

Alda D’Eusanio, il post per Laura Pausini

Una lunga e, pare, sentita lettera di scuse che la giornalista, ex gieffina, avrebbe mandato in un primo momento in privato alla cantante e che poi avrebbe deciso di rendere pubblica, nel tentativo di risanare la sua immagine abbastanza aggravata dagli ultimi avvenimenti.

Leggi anche–> Alda D’Eusanio, tutte le sparate da querela fatte al Gfvip: cosa ha detto

Cara Laura, non so se questo sia il tuo telefono ma non posso fare trascorrere un altro minuto senza chiederti scusa.” – ha scritto Alda:Scusa per averti recato un dolore. Scusa per avere creato tensione. Scusa per avere offeso tuo marito. Scusa per aver dato eco ad una chiacchiera cattiva che, per prima, aveva turbato e angosciato me. Sono contenta di sapere che la vostra è una coppia innamorata e serena. E che la vostra famiglia vive nell’affetto. Quello che è accaduto mi dà un grande dolore e per questo continuerò a chiedervi sempre perdono.” 

Leggi anche–> Alfonso Signorini “massacra” Alda D’Eusanio: nessuna pietà

Continua l’accorata lettera: “Chiedo scusa anche per questo tu confidenziale che mi nasce dall’affetto e familiarità che con il tuo modo di essere, con la tua semplicità e spontaneità mi hai sempre trasmesso. Vorrei dirti molto di più ma credi che la sofferenza che hai provato tu nel sentire le mie parole, la provo io solo nel pensare di averle dette.
Umilmente ti saluto.”