Vaccino in Italia, 22mila dosi al giorno: ci vorranno 4 anni

Se il numero di scorte di vaccino non dovessero aumentare, con i ritmi attuali ci vorrebbero 4 anni per vaccinare il 70% della popolazione.

Il 2021 è cominciato con la speranza condivisa che entro l’anno l’incubo Covid-19 sarebbe stato solamente un ricordo. Questo perché nel mese di dicembre sono stati approvato i primi vaccini (Pfizer e Moderna) ed è entrato nella fase finale anche quello AstraZeneca, sviluppato ad Oxford con collaborazione italiana. Proprio su quest’ultimo il nostro governo ha speso la propria attenzione, nella speranza che una volta pronto potessero giungere un numero di dosi tale da permettere una vaccinazione più rapida della popolazione.

Dopo le prime settimane, in cui sembrava che i ritmi di vaccinazione potessero essere sostenuti, sono giunti però i primi problemi. Pfizer non è riuscita a rispettare le dosi promesse in sede contrattuale e poco dopo anche Moderna e AstraZeneca hanno annunciato che i tempi di produzione si sarebbero allungati rispetto alle prospettive iniziali. L’Unione Europea la scorsa settimana ha ridiscusso le tempistiche e sulla base dei nuovi accordi, il nostro governo ha stilato un nuovo piano vaccinale. L’esito di questa nuova programmazione ci dice che entro l’estate, nella migliore delle ipotesi, solo gli over 80 riusciranno ad ottenere il vaccino.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Vaccino Italia, con questi ritmi per l’immunità di gregge ci vorranno 4 anni

La situazione attuale, dunque, non fa ben sperare per questo 2021. Secondo una grafica condivisa dal Sole 24 Ore, il numero di italiani che hanno ricevuto la prima dose è di 1.707.749 italiani, dei quali solamente 1.281.999 hanno ricevuto la seconda dose e si possono ritenere vaccinati. Nella giornata di ieri sono state fatte 25.363 iniezione, 23.301 delle quali sono prime dosi, 2.062 sono richiami.

Leggi anche ->Infermiera morta dopo vaccino: scontro ospedale-No Vax

Ciò che inquieta è l’andamento medio delle vaccinazioni, visto che nell’ultima settimana abbiamo tenuto una media di 22.651 vaccinazioni al giorno. Con questo andamento, per giungere all’obbiettivo fissato dal governo di vaccinazione del 70% della popolazione, ci vorrebbero 4 anni, 11 mesi e 18 giorni. Il che vorrebbe dire che verrebbe raggiunto solo il 4 gennaio del 2026. Ovviamente questa situazione è causata dalla carenza di scorte attuali, problematica che si spera possa essere risolta nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

Leggi anche ->Crisanti furioso: zone rosse contro le varianti, poi attacca il vaccino