Spallanzani, Vaia: “No al lockdown ma bisogna aggravare le misure”

Varianti Covid-19, il dibattito si allarga. Vaia dello Spallanzani: «Il lockdown non serve, occorrono misure chirurgiche»

Spallanzani – foto viagginews

Tiene banco da ieri il dibattito intorno a nuove chiusure. Il tutto è scaturito dalle richieste del consulente del Ministero della Salute Walter Ricciardi che aveva dichiarato la necessità di chiudere gli impianti di sci paventando addirittura un nuovo lockdown. La leva che ha allarmato il mondo della scienza riguarda le varianti Covid che sono ritenute più pericolosi della prima versione del virus. La chiusura successiva degli impianti di sci ha fatto scatenare le polemiche e aperto il dibattito. Sul tema è intervenuto a Rainews24 Francesco Vaia, direttore sanitario dell’Inmi Spallanzani di Roma: “Il nostro laboratorio sta lavorando sulle varianti di Sars-CoV-2, che sono un problema che deve destare attenzione, ma non panico. Siamo contrari che si creino delle psicosi di massa“, ha spiegato Vaia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Spallanzani, il direttore sanitario esclude nuovo lockdown ma avverte

“A settembre – ha proseguito il direttore – la variante spagnola ha determinato un aumento dei contagi nelle fasce giovanili e il messaggio era ai ragazzi di fare attenzione perché potevano essere dei vettori per gli anziani”. Per quanto riguarda l’ipotesi di un nuovo lockdown totale, per il direttore sanitario “non si tratta di aggravare le misure” anti-Covid, “ma applicare con severità le misure che abbiamo. Un lockdown severo non serve, ma occorrono chiusure chirurgiche. Voglio dire un no netto e chiaro all’utilizzo delle varianti come ‘clava politica’, afferma. “La scienza sia sempre libera da interessi economici e politici”, ha scritto successivamente Vaia in un post sulla sua pagina Facebook.

Leggi anche > Lombardia, polemiche sul sistema dei vaccini over 80

Il dibattito è scattato così come l’attenzione maggiore intorno alle varianti. I due focolai concentrati in Umbria e Milano hanno allargato la soglia dell’attenzione degli scienziati. Il tutto mentre il nuovo esecutivo ancora non ha ottenuto il via libera delle camere.

Leggi anche > Governo, è già scontro sulle chiusure

Ricciardi – (screenshot video)