Papà 31enne sano come un pesce: un bruciore di stomaco, poi la tragedia

Dan Morton, 31 anni, è morto di infarto 20 minuti dopo aver accusato un bruciore di stomaco mentre stava facendo visita a sua sorella.  

La famiglia di Dan Morton ancora non riesce a credere che sia successo. Il 31enne papà inglese sano come un pesce è morto 20 minuti dopo aver lamentato un bruciore di stomaco. Subito dopo essersi sentito male ha assunto una compressa ma nel giro di 15 minuti ha avuto una crisi epilettica e ha smesso di respirare.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’assurda morte di Dan, il “migliore papà del mondo”

La tragedia si è consumata per Dan Morton stava facendo visita a sua sorella Sarah il 1° febbraio scorso. E’ stata proprio lei a cercare di rianimarlo, purtroppo senza riuscirci. I membri della famiglia, devastati dal lutto, hanno reso omaggio al “gigante gentile” (era altissimo di statura) ricordandolo come un papà amorevole.

Leggi anche –> Gli negano l’uso del defibrillatore, uomo muore di infarto al supermercato 

I medici hanno poi scoperto che Dan aveva un blocco arterioso che gli avrebbe lasciato solo il 12% di possibilità di sopravvivenza. Ma non c’erano stati sintomi fino a pochi minuti prima della sua morte, cosa che ha lasciato la sua famiglia sotto shock e sua figlia Phoebe, 5 anni, senza “il miglior papà del mondo”.

Dopo aver fatto il portiere a Newcastle e Durham per circa cinque anni, ottenendo il soprannome di “Big Dan”, più recentemente Dan aveva lavorato per il servizio sanitario nazionale (NHS ) come centralinista.

“Era un gigante gentile, amava i bambini. Ho due bambini piccoli e non avrebbero potuto chiedere uno zio migliore” ha ricordato la sorella. “Il mio bambino ha quattro anni e ogni sera apre la finestra per poter cantare una canzone a suo zio Dan. Era il tipo di persona che avrebbe aiutato chiunque. Era il miglior fratello maggiore – super protettivo, divertente, premuroso – che potessi desiderare. Tutti lo amavano”.

Leggi anche –> Bambino guarisce dal Covid ma la ricaduta gli causa un infarto