Moglie morta, lui viene incastrato dall’app: condannato a sedici anni

Condanna di sedici anni per Jeff West, che è stato incastrato dall’app conta passi, per l’uccisione della moglie trovata morta

Jeff West

Jeff West è stato condannato a sedici anni di reclusione dal tribunale dell’Alabama in Usa per l’assassino della moglie Kathleen “Kat” Dawn West. Lui aveva rivelato sempre che la donna fosse morta in un incidente da ubriaca, ma secondo le ricostruzioni è stato proprio l’uomo ad averla uccisa rompendole una bottiglia in testa. Inoltre, ha messo in scena l’incidente, ma è stato incastrato dall’app conta passi. Come svelato dal tabloid Daily Mail, la sua versione di essere a letto a dormire non coincideva visto che aveva compiuto diversi passi in quelle ore della notte.

Leggi anche –> Congela la moglie morta di cancro: “In futuro la medicina la può risvegliare”

Leggi anche –> “Mi sono svegliato e ho trovato mia moglie morta”, poi la tremenda confessione

Moglie morta nel 2018, ora la condanna

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il tragico incidente è avvenuto nel 2018, ma soltanto ora è arrivata la condanna definitiva visto che ci sono state prove schiaccianti. Anche la figlia e la suocera lo avevano sostenuto. Secondo le ricostruzioni la donna abusava di alcool e dell’attività di spogliarellista online, che non è mai stata accettata dal marito. Quella sera i due avrebbero discusso aspramente: poi lo stesso West ha gettato il telefono della donna a terra. Quando lo stava per raccogliere, l’uomo le avrebbe rotto la bottiglia in testa per poi trascinarla sul vialetto di casa dove è stata trovata dal vicino quando si è svegliato al mattino.

Jeff West