Lino Guanciale durissimo: “Non farò mai una fiction Mediaset”

In una recente intervista, l’attore Lino Guanciale ha escluso la possibilità di poter recitare in una fiction di Mediaset.

L’attore di Avezzano, Lino Guanciale, in questi giorni si sta godendo il successo della nuova serie tv targata Rai (Il commissario Ricciardi) che questa sera torna in prima serata con una nuova puntata. Un successo che conferma da un lato il buon trend intrapreso dai produttori di fiction Rai, dall’altro lo status di star affermata dell’attore. Dopo anni di film e serie poco conosciute, infatti, Guanciale ha conquistato il cuore del pubblico Rai con il ruolo ne L’Allieva.

La prima stagione della fiction è andata in onda nel 2016 e fino al 2020 il pubblico ne ha seguito le evoluzioni. Contemporaneamente Lino ha avuto il ruolo da protagonista in un’altra fiction cult della Rai: La Porta Rossa. Anche in questo caso il pubblico ha seguito le peripezie del protagonista sospeso tra il mondo degli spiriti e quello umano con grande interesse. La serie, in questo caso, non è ancora ultimata, dunque nel corso del 2021 l’appuntamento con il pubblico si rinnoverà.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lino Guanciale: “Fiction per Mediaset? No, grazie”

Il connubio con la Rai è dunque molto forte, ma sono molti coloro i quali si chiedono se un domani Lino Guanciale possa fare qualche serie tv anche con Mediaset. Data la sua quotazione attuale, infatti, le offerte di lavoro non dovrebbero mancare, ma l’attore non sembra interessato a lavorare per la contendente principale della Rai. A confidarlo in un’intervista concessa qualche tempo fa a Vanity Fair, è stato lo stesso Guanciale: “Berlusconi non lo conosco, ma è stato rappresentante e portavoce di tutto quello che a me non piaceva di questo Paese”.

Leggi anche ->L’annuncio di Lino Guanciale: “Rinuncio alle donne”

Insomma il suo rifiuto sarebbe legato ad una forma di coerenza con i propri ideali. Per quanto riguarda, invece, la possibilità di cogliere il testimone di Terence Hill in Don Matteo, l’attore ha spiegato: “Buttarmi in una cosa così ‘identificante’, all’età che ho, mi avrebbe tolto la possibilità di fare teatro, cinema e tv”. Lino dunque ha le idee chiare su sé stesso e sulla sua carriera e punta ad ampliare il più possibile i proprio orizzonti nei prossimi anni. Finora le scelte fatte gli hanno dato ragione.

Leggi anche ->Stasera in tv Il commissario Ricciardi, trama e anticipazioni del 15 febbraio