Dario Argento, l’arresto per possesso di 23 grammi di hashish: cosa è successo

Dario Argento è uno dei registi cinematografici italiani più conosciuti. La sua vita è stata turbolenta. Ecco cosa gli è successo. 

Dario Argento continua a mantenere a pieno titolo la carica di Maestro del Brivido. Con i suoi film horror ha tenuto incollate agli schermi intere generazioni.

Nonostante la carriera brillante, Argento non ha sempre vissuto dei momenti sereni e tranquilli. Alti e bassi lo hanno accompagnato durante la sua vita. Tra i momenti più difficili c’è senza dubbio l’arresto per possesso di hashish.

Dario Argento: ecco perché è stato arrestato

Il famoso regista fu arrestato il 19 giugno del 1985. “Qualcuno che non conoscevo aveva spedito un pacco con delle sostanze proibite a mio nome a Fiumicino. La narcotici l’aveva intercettato ed erano venuti a cercarmi” ha racconta Argento.

Leggi anche -> Dario Argento, la breve relazione amorosa con Marilù Tolo: chi è l’attrice romana

Durante la sua vita il regista ha fatto uso di droghe. In base ai suoi racconti, l’hashish sarebbe stata una presenza costante, ma alcuni problemi di salute hanno reso necessario il suo abbandono. “Per un breve periodo feci uso anche di cocaina, ma a differenza della canne, non solo non era una dipendenza forte, ma anche rimpianta. Lo cocaina mi dava fastidio. Mi faceva stare male. Non mi rilassava. Abbandonarla fu naturale”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il giorno dell’arresto era insieme alla compagna Daria Nicolodi. Erano in possesso di 23 grammi di hashish e dovettero passare due notti nel carcere di Regina Coeli.

Leggi anche -> Dario Argento, chi era il padre Salvatore: famoso produttore cinematografico

“Non volevo che la situazione né i titoli dei giornali suonassero come ‘il grande regista arrestato per droga’, così mente andavamo via cercai comunque di sdrammatizzare” ha raccontato durante un’intervista a GQ. La coppia verrà poi assolta dato che si trattava di consumo personale e non di spaccio.