Festeggia la positività al Covid: “Niente lavoro!”. Ma il giorno dopo muore

Dopo aver saputo che era positivo al Covid ne era rimasto quasi contento: “Un’altra settimana di ferie”, aveva detto scherzandoci su. Ma nel giro di 24 ore il virus l’ha ucciso.   

Kevin Woolley è collassato all’improvviso ed è morto in casa sua dopo aver contratto il Covid. Il 42enne autista di autobus e padre di tre figli, originario di Wattsville nel Galles, era risultato positivo al virus solo poche ore prima, e aveva reagito alla notizia scherzandoci su: “Un’altra settimana di ferie”. Il giorno dopo il suo cuore ha smesso di battere. La sua famiglia, che lo ricorda come un padre amorevole e divertente, è rimasta scioccata e angosciata da questa perdita giunta come un fulmine a ciel sereno.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il destino beffardo del papà malato di Covid

Il fratello di Kevin, Stuart Woolley, 46 anni, dice che dopo la morte di suo fratello prova rabbia e frustrazione nel constatare che ancora tante, troppo persone infrangono le regole anti-Covid. “Vedo gente senza mascherina o con la mascherina sotto il naso ed è così frustrante. Verrebbe vogli di andare a scuoterla e dirle ‘guarda, il virus può prendere chiunque”. “Kevin non aveva malattie preesistenti conosciute – aggiunge -, andava in palestra e a pesca… anche dall’autopsia non è emerso nulla”.

Leggi anche –> Parlano i Long Covid, i guariti che non hanno mai smesso di accusare sintomi

“Mi ha contattato il giorno prima del test e mi ha chiesto quali fossero i miei sintomi”, ha ricordato Stuart, che ha a sua volta contratto il Covid ma per fortuna ne è guarito. “Gli ho detto che avevo una brutta tosse e sputavo anche un po’ di sangue, oltre a una perdita di appetito. Io però nel giro di una settimana mi sono ripreso”. Kevin, invece, ha fatto il test il 1° gennaio, ha avuto i risultati il 3 ed è morto il giorno successivo, lasciando i tre figli avuto dall’ex moglie: Joshua, 15 anni, Ffion, 14, e il piccolo Oscar, 7.

Leggi anche –> Covid oggi, l’ordinanza del sindaco: “Vietato ammalarsi”: il motivo