Challenge online pericolosa, un 13enne di Varese ha scampato il suicidio

Ancora una volta una challenge online si rivela pericolosa e quasi mortale, per un 13enne di Varese. Il ragazzino è stato salvato proprio da una sua coetanea.

Non si fermano le polemiche sulle challenge online pericolose e non si fermano le vittime effettive o, come in questo caso, potenziali. Il web è un luogo spesso spaventoso, perché difficilmente controllabile, soprattutto quando si tratta di giovani e giovanissimi, fragili e facili da ingannare e tirare in mezzo a sfide mortali e pericolose. Dopo la tragica morte di Antonella, impiccata con una cinghia per una challenge su TikTok, un nuovo caso è spuntato sulla stampa: quello di un ragazzino di 13 anni che è stato salvato in extremis proprio grazie ad una sua coetanea di Cuneo.

La challenge pericolosa: “Gioca o mi uccido”

Una sfida “al contrario”, in cui chi stava rischiando la vita era la persona a porre le domande e non viceversa, tenendo il suo interlocutore attaccato allo schermo e costringendolo a proseguire il gioco, pena quella di avere sulla coscienza un suicidio. La tragedia si stava consumando a distanza tra Cuneo Varese. Nella provincia piemontese si trova una ragazzina di 13 anni che ha salvato la vita di un suo coetaneo di Varese.

Leggi anche–> Planking challenge, cos’è la nuova e pericolosa sfida social dei ragazzini

Alla giovane erano state poste alcune domande online dal ragazzino e se non avesse risposto, lui avrebbe compiuto atti di autolesionismo fino ad arrivare al suicidio. La 13enne, spaventata, ha allertato la madre della situazione, dopo aver chattato con il ragazzino e sono state avvertite le autorità competenti. La polizia, arrivata dal ragazzino di Varese, ha fermato il gioco mortale, salvandogli la vita.

Leggi anche–> Blackout challenge, Antonella è morta a 10 anni ma salverà altre vite

Dai rilevamenti della polizia postale, è stato appurato che la madre del ragazzino si trovava a Milano e lui, solo in casa stava attraversando un momento molto difficile. Niente avrebbe quindi potuto impedirgli di togliersi la vita, se non l’intervento della sua coetanea di Cuneo. Le forze dell’ordine hanno anche appurato che il ragazzo era davvero intenzionato a compiere quello che aveva annunciato tramite la challenge.