Dayane Mello, il fratello rompe il silenzio: “ha maciullato la sua auto”

Dayane Mello è molto provata dalla perdita del fratello Lucas. Ora il fratello,  Juliano rompe il silenzio sull’accaduto. Ecco cos’è successo. 

Sono stati momenti davvero drammatici per la modella brasiliana. La prematura scomparsa del fratello Lucas è stato un duro colpo.

La Mello ha deciso di rimanere nella casa proprio perché Lucas desiderava vederla vincere. Ad oggi, Juliano ha raccontato maggiori dettagli su quel drammatico evento.

Dayane Mello, legatissima con i suoi fratelli

Le indagini sull’incidente proseguono. In base alle prime ricostruzioni pare che il giovane abbia perso il controllo del veicolo su cui viaggiava. Dopodiché ci sarebbe stato uno schianto contro un camion adibito al trasporto merci. “Un cambio si è portato via mio fratello. Ha maciullato la sua auto, non c’era nemmeno la speranza, nemmeno una possibilità“, ha raccontato Juliano.

Leggi anche -> GF Vip, Dayane Mello e il messaggio del fratello poco prima di morire

Al momento la polizia è alla ricerca del conducente del camion che a quanto pare sarebbe uscito illeso dallo scontro. Juliano ha rilasciato queste dichiarazioni al settimanale Chi per far capire al pubblico quanto la sorella sia in realtà provata dalla perdita.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

“Chi pensa che mia sorella sia leggera o che magari in questo momento stia bene, non sa nulla. Noi siamo cresciuti tra mille difficoltà, nella povertà, ma ci siamo nutriti di amore e complicità”. Parole che fanno ben capire lo stretto rapporto che legava i tre fratelli.

Leggi anche -> Grande Fratello Vip, la frase incriminata di Giulia Salemi: insultata sui social

Sfortunatamente Dayane non ha potuto assistere ai funerali di Lucas. Questi si sono svolti il giorno dopo l’incidente, quindi la modella non ce l’avrebbe comunque fatta. La Mello ha sempre detto che per lei la famiglia erano suo padre e i fratelli Juliano e Lucas. Nonostante con quest’ultimo avesse solamente il padre in comune, erano comunque legatissimi.