Marina Suma, madre con la fecondazione: cosa è andato storto

Marina Suma ha sempre sognato di diventare madre. Sfortunatamente il suo sogno non si è realizzato. Ecco cos’è successo. 

La famosa attrice italiana si era raccontata in alcune interviste riguarda la sua volontà di diventare madre.

La donna aveva raccontato di aver sentito il desiderio di rimanere incinta anche senza la presenza di un compagno. L’ennesima delusione amorosa le aveva fatto perdere le speranze negli uomini.

Marina Suma: ecco perché ha dovuto rinunciare a diventare madre

La donna era molto decisa a realizzare il suo desiderio e aveva già preso contatti con una banca del seme. Gli esami per la fecondazione erano molti: analisi del sangue per verificare i dosaggi ormonali, ecografie, isterosalpingografia per controllare lo stato delle tube e l’isteroscopia per controllare la conformazione dell’utero.

Leggi anche -> Marina Suma, chi è: età, carriera, flirt e come è diventata l’attrice FOTO

Un processo molto lungo che però l’attrice era riuscita a concludere in modo ottimale. Gli esami erano stati fatti e i contatti con la banca del seme presi. Era tutto pronto finché non arrivò un fulmine a ciel sereno: la legge 40. Nel 2004 l’eterologa diventa illegale in Italia e l’attrice dovette rinunciare all’essere madre.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La Suma avrebbe potuto effettuare il tutto all’estero, ma visse il fatto come un segno del destino: “Riposi in un cassetto l’istinto di maternità e dal fondo tirai fuori l’energia per andare avanti. La vita aveva in serbo una sorpresa“, aveva dichiarato.

Leggi anche -> Emma Marrone, la grande paura confessata ai fans: “Aiutatemi” FOTO

Arrivò un nuovo compagno e con lui anche la voglia di ritentare una gravidanza. Dopo svariati tentativi falliti la coppia provò con l’inseminazione artificiali ma anche questa volta qualcosa andò storto: la Suma aveva l’utero fibromatoso. Ecco perché non riusciva a rimanere incinta. A quel punto tentò la fecondazione in vivo: gli spermatozoi sono iniettati nelle vie genitali della donna. Anche questo tentativo fallì. A questo seguì un altro tentativo andato male. “Io capii che non sarei mai stata madre“, queste le parole dell’attrice.