Cina Covid, dubbi sull’origine del virus: gli esperti non rispondono

Si era parlato dei pipistrelli o dei pangolini per spiegare l’origine della situazione Cina Covid. Ora però emergono alcuni dubbi.

Covid Cina Wuhan
Covid Cina Wuhan FOTO Getty Images

Ad un anno da quando sentimmo parlare dell’accostamento Cina Covid, ne abbiamo sentite tante in relazione alla pandemia, nel corso di questi 12 mesi. Da Pechino sono anche giunte smentite e provvedimenti atti a far credere che il virus sia sorto in altre parti del mondo anziché da quelle latitudini.

Leggi anche –> Variante Covid, i vaccini proteggono ma con efficacia ridotta

Ed anche l’Italia ad un certo punto era finita con il sentirsi rivolgere le accuse di essere il Paese in cui è sorto il Coronavirus. Ad oggi però l’ipotesi Cina Covid resta sempre quella maggiormente accreditata, stando ai dati raccolti. Ed ora da Wuhan, dove si è tenuta una conferenza stampa significativa, un luminare che presiede la delegazione mandata lì a lavorare al fianco degli esperti inviati dall’Oms parla di un aspetto alquanto controverso. Ovvero che il virus che tiene in scacco ormai il mondo intero trae la propria origine da una specie animale, probabilmente selvatica. Ma non ci sono indizi sufficienti per stabilire quale. Si era parlato di pipistrelli o di pangolini, un mammifero diffuso particolarmente nella Cina centrale per l’appunto.

Leggi anche –> Zona gialla, Massimo Galli: “Il pericolo è ancora molto alto”, il motivo

Cina Covid, la delegazione che supporta l’Oms: “Origine animale, no in laboratorio”

La delegazione che supporta l’Oms è composta da 17 specialisti di dieci diverse nazionalità. Il loro responsabile, il professor Lian Wannian, parla di alte probabilità che l’animale responsabile sia uno di quelli indicati poco su. Ma non c’è comunque la certezza totale di questo, perché i ceppi di virus riscontrati in alcuni di questi esemplari non corrispondono al Sars-Covid2.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Varianti Covid, Lopalco: “Scordiamoci l’immunità di gregge”, i motivi

“Mancano tracce evidenti della circolazione del virus in Cina in un periodo antecedente fine 2019. Gli esperti lavoreranno ora cercando di tracciare il percorso compiuto dal virus su tutto il pianeta. Del tutto esclusa la possibilità che questo incubo sia sorto a seguito di un incidente – o di un sabotaggio – avvenuto in un laboratorio. Il professor Lian parla di “avanzata improbabilità” in merito a ciò.